Libri e Fumetti

One Piece – all’arrembaggio con i pirati di Eiichiro Oda

One Piece è senza ombra di dubbio uno dei manga (e degli anime) più conosciuti ed influenti al mondo. In questa nostra breve panoramica cercheremo di condurvi nel fantastico mondo di creato da Eiichiro Oda mostrandovi le sue incredibili sfaccettature e ramificazioni. Ma perché One Piece è definito “il manga dei record” e come mai la sua lettura appassiona milioni di lettori nel mondo e influenza autori da occidente a oriente? Siete pronti? Issate le vele, salite a bordo iniziamo il nostro viaggio!

Foto generiche

Le origini e… il finale

Eiichiro Oda ha tratto ispirazione per la peculiare ambientazione di One Piece dall’interesse verso la storia delle pirateria nata dalla visione da bambino della serie animata Vicky Il Vichingo, interesse poi cresciuto durante l’adolescenza dalla lettura dei grandi classici del genere ma anche di testi storici.

In un’intervista, il sensei si è soffermato sul tema e sul successo dell’opera dicendo che:

Penso che a tutti piacciano i pirati in qualche misura. L’apparente cattiva prima impressione e la sensazione che abbiano grandi progetti e speranze per il loro futuro. Nella realtà sono cattivi, ma si tende a ignorare questo aspetto e a crearsi una propria immagine su di loro, vero? Mi piace anche questa cosa e volevo sfruttarla in qualche modo. Così disegno la serie cercando di non pensare alla storia reale.

Fra le altre fonti letterarie citate ce n’è una molto peculiare ovvero Il Mago di Oz. Dal capolavoro di L. Frank Baum, Oda dice di aver tratto un insegnamento molto importante sulle storie: il viaggio è importante ma lo è di più la meta, non basta infatti un creare una avventura grandiosa e particolareggiata bisogna anche dare la giusta ricompensa al lettore.

Foto generiche

Questo è uno dei motivi per cui il sensei ha dichiarato più volte che inizialmente One Piece era stato pensato con un durata di circa 5 anni, durata che nel corso degli anni si è, come facilmente intuibile, protratta semplice perché Oda ci ha preso sempre più gusto nell’espandere la sua storia e il mondo creato. Alcuni aggiornamenti sullo status di avanzamento dell’opera: nel 2016 il manga aveva raggiuto il 65%; a luglio 2018, in occasione del 21° anniversario, si era arrivati all’80%. A gennaio 2019, Oda ha addirittura dichiarato che One Piece è avviato verso la conclusione ma che verranno superati i 100 volumi.

Interessante notare che più volte parlando di queste percentuali il sensei ha sempre detto che, dopo tutti questi anni, il finale è sempre lo stesso che aveva inizialmente ideato. Lo cambierà infatti solo se i fan dovessero azzeccarlo con alcune delle loro teorie. Infine ad agosto 2019 ha dichiarato che, secondo le sue previsioni, One Piece vedrà la fine tra il 2024 e il 2025!

Foto generiche

Oda ha sempre inserito One Piece nel genere shonen. Questo è il motivo per cui nel manga praticamente non ci sono storie d’amore, si tratta di manga per ragazzi e i ragazzi non vogliono leggere storie d’amore avrebbe dichiarato il sensei soprattutto agli inizi della serializzazione.

Lo stile e il flusso di lavoro di Eiichiro Oda

Per quanto riguarda invece le influenze strettamente fumettistiche, Eiichiro Oda non ha mai nascosto di essere stato profondamente influenzato da Dragon Ball di Akira Toriyama, che ancora oggi rimane uno dei suoi manga preferiti. Artisticamente il sensei dice di essere rimasto molto impressionato da bambino da due serie animate in particolare: Kinnikuman e Hokuto no Ken.

One Piece prende realmente corpo solo intorno al 1996 però quando, ancora assistente del sensei Nobuhiro Watsuki, realizza due one shot intitolati Romance Dawn. In questi due one shot facciamo la conoscenza di Rufy, di molti personaggi ed elementi che troveranno spazio in One Piece.

Il primo one shot venne pubblicato nell’agosto 1996 sulla rivista Akamaru Jump (è stato poi ristampato nel tankobon One Piece Red) mentre il secondo venne pubblicato sempre nel 1996 ma sulla più importante Weekly Shonen Jump (è stato poi ristampato nel 1998 nel tankobon Oda Wanted!). Da notare come Romance Dawn sia poi divenuto il titolo del primo mitico capitolo di One Piece.

Foto generiche

Per quanto riguarda il flusso di lavoro invece Eiichiro Oda è solito disegnare personalmente tutto eccetto gli sfondi di cui comunque realizza un layout di base su cui lavorano i suoi assistenti. Questa scelta permette a One Piece di aver un aspetto uniforme graficamente parlando ma costringe il sensei ad un ritmo di lavoro molto serrato e frenetico: ha più volte dichiarato di lavorare dalle 5 del mattino fino alle 2 di notte fermandosi solo per i pasti.

Solitamente dedica i primi tre giorni della settimana alla stesura dello storyboard, passando poi alla inchiostrazione e alla eventuale colorazione. Il tratto di Eiichiro Oda è caratterizzato da linee lunghe e sinuose, un design dei personaggi spesso tondeggiante in cui si accentuano la creatività e l’espressività. Rispetto agli esordi, Oda ha ripulito molto la sua tavola, l’uso dei retini e delle ombreggiature e quasi nullo, optando invece per inquadrature dinamiche e spesso inusuali  che donano agilità e personalità ai personaggi e alla serie.

Foto generiche

All’arrembaggio con Rufy e la sua ciurma

Circa novecento anni prima dell’inizio delle vicende di One Piece ebbero luogo i cosiddetti Cento Anni del Grande Vuoto o Secolo Buio un periodo storico di cui non si sa nulla e del quale nessun libro parla.

In quei cento anni esisteva un regno enorme, potente e ricco; secondo Clover, il nome di questo regno sarebbe la chiave per svelare i misteri del Secolo Buio. Al termine dei cento anni questo regno venne spazzato via da un’alleanza di altri venti paesi, i cui sovrani, eccetto la famiglia Nefertari, si trasferirono a Marijoa dando vita alla dinastia dei Nobili mondiali e creando così il Governo mondiale. Prima di sparire, però, gli abitanti dell’Antico regno lasciarono delle gigantesche steli, chiamate Poignee Griffe, con incisa la loro storia in una lingua misteriosa.

Da allora gli avvenimenti del Secolo Buio furono dimenticati e il Governo iniziò a perseguitare coloro che tentavano di rivelarli. Nel Secolo buio hanno avuto origine anche le potenti Armi ancestrali, che si dice siano in grado di distruggere intere isole, e la Noah, una gigantesca arca creata per mantenere la promessa fatta da un certo Joy Boy a una principessa sirena.

Vent’anni prima dell’inizio delle vicende di One Piece, il pirata Gol D. Roger riuscì ad arrivare a Raftel, l’ultima isola della Rotta Maggiore, scoprendo la verità sul Secolo Buio grazie alla sua abilità di udire la Voce di Tutte le Cose e trovando il leggendario tesoro One Piece. Fattosi catturare dalla Marina, venne giustiziato dopo aver rivelato al mondo l’esistenza del suo tesoro.

Foto generiche

One Piece inizia così, con una sorta di profezia:

Il suo nome era Gold Roger, il Re dei pirati. Le sue parole in punto di morte spinsero la gente verso il mare. I miei tesori…? Se li volete, sono vostri… Cercateli. Ho lasciato tutto in un certo posto. E così in tutto il mondo iniziò l’era dei pirati.

Prende il via la Grande Era della Pirateria seguita dalla Nuova Era della Pirateria. Fra i pirati che decidono di mettersi alla sua ricerca c’è anche il giovane Monkey D. Rufy. Rufy ha ingerito da bambino il Frutto del Diavolo denominato Gom Gom e per questo il suo corpo ha assunto le proprietà della gomma: può infatti allungarsi e deformarsi a piacimento. Rufy è intenzionato a diventare il Re dei Pirati recuperando il leggendario tesoro One Piece.

Foto generiche

Ma Rufy non può di certo compiere l’impresa da solo e per questo inizia a raccogliere intorno a sé una ciurma ben assortita composta da Roronoa Zoro, un tenace spadaccino dalla particolare tecnica a tre spade; Nami, una ladra, ma soprattutto abile navigatrice; Usop, un cecchino pavido e bugiardo; Sanji, un cuoco galantuomo con un debole per le donne; TonyTony Chopper, una renna antropomorfa e medico di bordo; Nico Robin, un’archeologa che desidera fare luce su un periodo oscuro della storia del mondo; Franky, un carpentiere cyborg; Brook, uno scheletro musicista e schermidore e Jinbe, uomo-pesce ex membro della Flotta dei Sette ed esperto timoniere.

Il Mondo di One Piece

Il mondo in cui si svolgono le vicende di One Piece è un mondo pressoché completamente ricoperto di acqua. Immensi oceani costellati da un numero indefinito di isole più o meno grandi. L’unico continente è denominato Linea Rossa ma è inospitale e quindi praticamente disabitato mentre lungo l’equatore si trova la così detta Rotta Maggiore ovvero una striscia di mare con correnti, condizioni climatiche e magnetismo instabili, in cui la navigazione è particolarmente difficoltosa. La Rotta Maggiore e la Linea Rossa, incontrandosi, delimitano quattro mari: il Mare Settentrionale, il Mare Meridionale, il Mare Occidentale e il Mare Orientale.

La Rotta Maggiore è circondata da fasce di bonaccia dove è assente ogni vento e corrente e dove sono presenti giganteschi mostri; a causa di queste condizioni l’unico modo per accedervi è scalare una montagna dove l’acqua, a causa delle correnti, scorre in salita: la Reverse Mountain. La seconda parte della Rotta Maggiore, dopo l’intersezione con la Linea Rossa, viene denominata Nuovo Mondo.

Foto generiche

L’autorità principale è rappresentata dal Governo Mondiale, un’organizzazione che detiene il controllo di centottanta paesi del mondo. I sovrani di questi Stati si incontrano ogni quattro anni a Marijoa per prendere parte al Reverie, un vero e proprio Concilio Mondiale, della durata di sette giorni nella quale vengono discussi temi e problematiche relative all’assetto mondiale.

Il suo scopo è quello di sopprimere la pirateria e eliminare l’Armata Rivoluzionaria, una organizzazione che vuole sovvertire lo status quo mondiale capitanata da Monkey D. Dragon, e perseguire con ogni mezzo possibile l’oscurantismo sul Secolo Buio. L’arma principale del Governo Mondiale è la temutissima Marina mentre, grazie alla sua abile diplomazia, ha stretto un accordo con i sette pirati più potenti al mondo che costituiscono una forza parallela denominata Flotta dei Sette. Nel Nuovo Mondo agiscono invece i Quattro Imperatori, i quattro pirati più forti e influenti i quali esercitano il loro potere su flotte immense e interi territori.

Foto generiche

Il Governo Mondiale inoltre controlla anche le informazioni e le notizie che vengono diffuse in tutto l’universo di One Piece attraverso giornali che i gabbiani consegnano a domicilio. Questo ovviamente significa che notizie e informazioni riportate sono manipolate prima di essere diffuse di modo da non mettere in cattiva luce lo stesso Governo. La valuta monetaria principale sono i berry con cui vengono indicate anche le taglie dei pirati. Chiaramente più alta è la taglia più famigerato è il pirata.

Foto generiche

Il mondo di One Piece vive sempre in un equilibrio precario fra i Quattro Imperatori, l’Armata rivoluzionaria, la Marina e la Flotta dei Sette in cui i pirati sono spesso il motore di cambiamenti e rivolte.

Le abilità speciali e i Frutti del Diavolo

Nell’universo di One Piece molte persone, animali e oggetti sono dotati di poteri e abilità sovrannaturali o sovraumane.

La loro origine può essere innata oppure questi poteri e abilità possono manifestarsi a causa di agenti esterni, allenamento e semplice sviluppo personale. Le abilità più diffuse sono quelle conferite dai Frutti del Diavolo mentre le abilità sono originate dall’Ambizione.

I Frutti del Diavolo

Colui che ingerisce un misterioso Frutto del Diavolo ottiene poteri sovraumani. La controindicazione è però singolare: si perde la capacità di nuotare o più semplicemente galleggiare e il contatto con l’acqua di mare o con una speciale sostanza conosciuta come agalmatolite indebolisce il così detto “utilizzatore” del Frutto del Diavolo fino a privarlo dei suoi poteri.

Ad ogni Frutto del Diavolo corrispondere una abilità differente, di fatto quindi non esistono due utilizzatori attivi uguali nello stesso momento questo comporta che se un utilizzatore muore, il Frutto si rigeneri da un frutto normale. Non è possibile magiare più di un Frutto alla volta: il corpo esploderebbe. Solo Marshall D. Teach è riuscito ad ingerirne due e resistere, i motivi però sono sconosciuti.

La abilità e i poteri conferiti da un Frutto del Diavolo si mostrano immediatamente dopo l’assimilazione ovviamente tocca all’utilizzatore padroneggiarli. Una delle tecniche più avanzate nell’utilizzo dei Frutti del Diavolo è il Risveglio e consiste nell’estendere il potere o l’abilità conferita anche all’ambiente circostante comprese cose o persone. Donquijote Do Flamingo e Charlotte Katakuri sono due fra gli utilizzatori che hanno perfezionato questa tecnica.

I Frutti del Diavolo hanno la stessa forma di un frutto normale ma la loro buccia presenta dei peculiari motivi a spirale inoltre il sapore della loro polpa ha un sapore disgustoso.

Foto generiche

Esistono tre categorie principali di Frutti del Diavolo.

Paramisha: sono i più comuni e conferiscono a chi li mangia i poteri più disparati. Tali frutti, ad esempio, possono conferire caratteristiche fisiche anomale, quali elasticità, durezza o invisibilità; possono permettere di modificare l’ambiente e le persone circostanti; consentono di trasformare il proprio corpo in oggetti come armi o bombe; o permettono di produrre dal proprio corpo sostanze come veleno o cera.

Inoltre i poteri forniti dal frutto possono essere attivi permanentemente come per il Gom Gom di Monkey D. Rufy o lo Yomi Yomi di Brook, o possono essere attivati volontariamente come per il Fior Fior di Nico Robin o l’Ope Ope di Trafalgar Law. Tendenzialmente i Paramisha sono considerati i frutti più deboli, perché spesso mostrano sin da subito tutte le loro potenzialità.

Foto generiche

Rogia: permettono di assimilare la propria essenza a un elemento naturale, come luce, fuoco o sabbia, e di generarlo e manipolarlo a proprio piacimento in quantità apparentemente illimitata. I possessori di Rogia possono anche tramutare il proprio corpo nell’elemento associato, rendendosi così intangibili alla maggior parte dei colpi e potendo poi rigenerarsi in caso di danni. È però possibile rendere tangibile il corpo del possessore di un frutto Rogia facendo uso di una sostanza che possa contrapporsi al potere del frutto (ad esempio Rufy riesce a colpire Crocodile, possessore del frutto Sand Sand, usando dell’acqua, che solidifica la sabbia).

I Rogia fanno anche acquisire le caratteristiche dell’elemento a cui corrispondono: per esempio il Rombo Rombo, che rende in grado di controllare l’elettricità, fornisce la capacità di passare attraverso i materiali conduttori. Mediamente i frutti Rogia sono i più potenti in termini di forza distruttiva e uno di loro, il Dark Dark, è considerato il frutto più potente in assoluto.

Foto generiche

Zoo Zoo: permettono a chi li ingerisce di trasformarsi in un determinato animale, sfruttando tre diverse forme: normale, ibrida e pienamente mutata. L’ingestione di uno Zoo Zoo conferisce le caratteristiche dell’animale associato: ad esempio TonyTony Chopper, nutrendosi dell’Homo Homo, ha acquisito un’intelligenza umana; inoltre, Frutti associati a un animale carnivoro aumentano l’aggressività e la sete di sangue. Gli Zoo Zoo hanno inoltre delle sottocategorie, ovvero gli Zoo Zoo mitologici che consentono la trasformazione in creature leggendarie e gli Zoo Zoo ancestrali che permettono la trasformazione in animali preistorici: i Frutti di queste due categorie sono i più rari in assoluto.

Inoltre, alcuni frutti possono presentarsi in vari modelli pur avendo lo stesso nome: è il caso, ad esempio, dei Frutti Avis Avis, in grado di trasformare chi li mangia in uccelli, dei quali sono stati presentati il modello falco, il modello albatro e il mitologico modello fenice.

Foto generiche

Esistono anche gli Smile. Si tratta di Frutti del Diavolo artificiali creati e sviluppati da Caesar Clown basandosi su degli studi compiuti da Vegapunk: quest’ultimo, infatti, era riuscito a produrne un prototipo, da lui considerato un fallimento, in grado di trasformare chi lo mangiasse in un drago cinese; il frutto è stato in seguito ingerito inconsapevolmente da Kozuki Momonosuke.

Gli Smile sono ottenuti utilizzando una particolare sostanza, il S.A.D., sintetizzata da Caesar stesso, e sono coltivati in una fabbrica apposita a Dressrosa dai Tontatta ricattati da Do Flamingo.

Foto generiche

Nonostante le abilità dei nani come coltivatori non tutti i frutti risultano funzionanti, e chiunque ne mangi uno difettoso perde completamente la capacità di provare emozioni che non siano la felicità, mostrandosi con un eterno sorriso stampato in volto.

Le trasformazioni permesse dagli Smile funzionanti finora mostrate sembrano essere fondamentalmente diverse da quelle degli Zoo Zoo classici, permettendo la trasformazione di singole parti del corpo in parti dell’animale non omologhe oppure la formazione di parti del corpo dell’animale corrispondente non controllate dalla volontà del possessore. Gli Smile inoltre differiscono dai Frutti del diavolo normali a causa della loro buccia, presentante un motivo a pois anziché a spirale.

L’ambizione

L’Ambizione è una forza che permea ogni essere vivente ma le cui origini sono sconosciute. Si manifesta in situazioni differenti: in momenti critici durante il combattimento o affrontando avversari sempre più forti, grazie ad un allenamento intensivo oppure per un forte stress emotivo. Ovviamente non tutti sono in grado di svilupparla. L’utilizzo dell’Ambizione ha una durata limitata, oltre il quale bisogna attendere qualche minuto prima di poterla utilizzare nuovamente.

Ci sono tre tipi di Ambizione.

L’Ambizione della Percezione è il tipo più comune di Ambizione. Essa consente di percepire gli avversari anche se sono fuori dal proprio campo visivo, di anticipare le mosse altrui e di prevedere le traiettorie dei proiettili; se sviluppata a dovere consente di vedere brevemente nel futuro. Su Skypiea viene chiamata Mantra.

Foto generiche

L’Ambizione dell’Armatura genera un’armatura incorporea che indurisce e rafforza le parti del corpo. Può essere invisibile oppure rendere nere e lucide le parti del corpo rivestite da essa. Chi utilizza questo tipo di ambizione è in grado di oltrepassare i poteri dei Frutti del Diavolo, rendendo inefficaci eventuali difese provenienti da essi, come l’intangibilità dei frutti Rogia pur non potendo annullare completamente i loro poteri. Se sviluppata permette di effettuare attacchi incorporei in grado di oltrepassare eventuali corazze, nonché attacchi a distanza. A Wa è nota come “ciliegio fluente”.

Foto generiche

L’Ambizione del Re Conquistatore è la forma più rara di Ambizione. È l’unico tipo che non può essere sviluppato attraverso un allenamento, ma solamente con la crescita personale dell’utilizzatore; è possibile poi manifestarla inconsciamente, ad esempio se si è in preda a una forte rabbia. Chi possiede questo tipo di Ambizione è in grado di intimidire gli avversari fino a farli svenire, ma risulta efficace solo contro nemici notevolmente più deboli. Se si è in grado di controllarla si può anche scegliere contro quali avversari indirizzarla, mentre ai massimi livelli può causare anche danni fisici all’ambiente circostante.

Foto generiche

Rokushiki e stili di combattimento

Oltre a queste abilità speciale, i personaggi di One Piece fanno uso anche di diversi stili di combattimento sia a mani nude che con armi. Anche questi stili di combattimento vengono “personalizzati” attraverso l’allenamento o le capacità innate di ogni praticamente come per esempio la tecnica a tre spade di Roronoa Zoro, lo stile basato sui calci di Sanji o le tecniche di alterazione climatica di Nami.

Tra gli stili più diffusi vi sono il karate degli uomini-pesce, utilizzato da molti uomini-pesce e da Koala, o le Rokushiki, utilizzate dai Cipher Pol e da alcuni membri della Marina.

Le Rokushiki sono sei tecniche di arti marziali che permettono di trascendere le normali capacità umane, più una settima unica del Cipher Pol. Per apprendere una delle tecniche è necessario conoscere quelle precedenti.

Il Soru è una tecnica che permette di spostarsi a velocità elevatissime, tanto da risultare invisibili, colpendo il terreno dieci volte al secondo; Rufy utilizza questa tecnica come base per creare il suo Gear Second. Il Kamie è una tecnica che rende il corpo flessibile come un foglio di carta e aumenta i riflessi, permettendo di schivare attacchi anche molto veloci. Il Geppo è una tecnica che consente di spostarsi nelle tre dimensioni calciando con grande forza l’aria; questa tecnica viene poi appresa da Sanji e da Rufy che la utilizza come base per il suo Gear Fourth.

Foto generiche

Il Rankyaku consente di creare delle lame d’aria tirando calci di notevole potenza; ai massimi livelli le lame sono in grado di tagliare anche l’acciaio. Lo Shigan permette di danneggiare i corpi avversari sfruttando le dita, che grazie alla potenza del braccio e alla velocità del colpo possono essere utilizzati come proiettili. Il Tekkai permette di indurire e irrigidire i muscoli per farli diventare resistenti come l’acciaio, limitando però la mobilità dell’utilizzatore. Il Rokuogan è una tecnica che può essere appresa solo padroneggiando alla perfezione le altre Rokushiki. Ponendo i pugni chiusi sul torace dell’avversario si genera un’onda d’urto di notevole potenza; se allenata l’onda è in grado di percorrere anche lunghe distanze con potenza maggiore.

Foto generiche

Le Spade

Nel mondo di One Piece le armi bianche fabbricate da artigiani celebri sono note come Wazamono (spade di buona fattura).

Vengono classificate in base alla qualità. Wazamono Supreme (chiamate anche “spade di straordinaria fattura”) sono le migliori spade del mondo. In totale ve ne sono 12 esemplari, tra le quali la Kokuto Yoru e il bisento Murakumogiri. Owazamono (chiamate anche “spade di ottima fattura”) ve ne sono in tutto 21 esemplari, e il loro valore si aggira intorno ai 10 milioni di berry. Tra queste vi sono la Wadō Ichimonji, la Shūsui e la Enma. Ryowazamono (chiamate anche “spade di pregevole fattura”) ve ne sono in tutto 50 esemplari. La Yubashiri, poi distrutta, appartiene a questa categoria.

Foto generiche

Vi sono inoltre Wazamono che non appartengono a nessuna delle tre categorie: il loro valore è di circa 1 milione di berry. Tra queste figurano la Sandai Kitetsu e la Shigure.

Voce di Tutte le Cose

La più singolare delle abilità nell’universo di One Piece è la capacità di udire la Voce di Tutte le Cose. Si tratta di un’abilità innata posseduta da pochissime persone al mondo: grazie a essa Gol D. Roger è riuscito a scoprire la verità sui Poignee Griffe e sul loro significato pur non essendo in grado di leggere e comprendere l’antica lingua.

Foto generiche

Oltre alla Voce di Tutte le Cose alcuni personaggi, come Monkey D. Rufy, Kozuki Oden, Momonosuke e lo stesso Roger, riescono a udire anche le voci degli animali ancestrali, come i Re del Mare e Zunisha. Queste voci non sono udibili dalle persone comuni e coloro che le odono non sono comunque in grado di rispondervi; non è tuttavia chiaro se questa capacità sia una evoluzione della Voce di Tutte le Cose.

La Volontà della D.

In One Piece, alcuni personaggi presentano una “D.” nel nome. Questa curiosa particolare è stata ribattezzata Volontà della D. Secondo Nico Robin, essa sarebbe collegata in un qualche modo al Secolo Buio. Colui che la D. nel proprio nome è nato per combattere l’ha ereditata da un precedente possessore oramai morto che a sua volta aveva una D. nel proprio nome. Questo fa in modo che  la Volontà della D. si tramandi da centinaia di anni.

Foto generiche

Come racconta Donquijote Rosinante la Volontà della D. è, per gli abitanti di Marijoa, sinonimo di sventura ed è stata addirittura utilizzata per terrorizzare i bambini. In altre parti dell’universo di One Piece inoltre coloro che portano la D. nel proprio nome sono definiti “predatori degli dei”, in riferimento ai Nobili mondiali. Tutti coloro che posseggono la D. infine hanno personalità molto simili fra loro: tutti, infatti, hanno una gran fiducia in sé stessi, credono nei sogni, sono ostinati e hanno una grande forza di volontà.

Gli attuali possessori della D.: Gol D. Roger, Monkey D. Rufy, Monkey D. Garp, Monkey D. Dragon, Portuguese D. Ace, Marshall D. Teach, Hagwor D. Sauro, Trafalgar D. Water Law, Portuguese D. Rouge e Rocks D. Xebec.

I personaggi

Il mondo di One Piece è popolato da umani e da numerose altre razze senzienti come uomini-pesce, visoni (una razza di animali antropomorfi), nani e giganti. La razza più numerosa, nonché dominante, è quella umana; le altre razze, più o meno numerose, abitano isole specifiche.

Tutte le specie che popolano l’universo di One Piece possono riprodursi fra di loro dando vita a “ibridi” che presentano caratteristiche miste tuttavia gli umani, e nello specifico quelli dei ceti più benestanti, tendono a considerare le altre razze inferiori e a disprezzarle. Questo atteggiamento è più palese nei confronti degli uomini-pesce, considerati a malapena esseri senzienti. Inoltre, nonostante il Governo lo vieti ufficialmente, è diffuso tra la nobiltà l’acquisto e il possesso di schiavi di qualsiasi specie.

La Ciurma di Cappello di Paglia

Protagonista di One Piece è la Ciurma di Cappello di Paglia, una combattiva ciurma di pirati messa insieme da Monkey D. Rufy. La Ciurma ha avuto due navi.

La Going Merry (appartenente ad Usop):

Foto generiche

Poi sostituita dalla Thousand Sunny (costruita dal carpentiere Franky):

Foto generiche

Vediamo un po’ nel dettaglio i suoi membri!

Monkey D. Rufy: è il capitano della Ciurma e nutre il sogno di diventare il Re dei Pirati raggiungendo Raftel e trovando il leggendario One Piece. Ingenuo e spensierato, si dimostra sempre leale schierandosi spesso a protezione dei suoi compagni e amici. Ha ingerito il frutto del diavolo Gom Gom, che ha trasformato il suo corpo in gomma, caratteristica che sfrutta per realizzare svariate tecniche di combattimento. La sua taglia ammonta a 1 miliardo e 500 milioni di Berry.

Foto generiche

Roronoa Zoro: è il primo ad unirsi a Rufy e originariamente era un cacciatore di taglie. Il suo obiettivo è diventare il più forte spadaccino del mondo per onorare una promessa fatta da bambino a Kuina. Ha un pessimo senso dell’orientamento e quando non si allena o non è impegnato in scontri, ama poltrire e bere, mentre in combattimento mostra sempre grande forza e determinazione. Padroneggia la tecnica delle tre spade, tenendone una per mano e la terza in bocca. La sua taglia ammonta a 320 milioni di Berry.

Foto generiche

Nami: è il terzo elemento ad entrare nella Ciurma. È una ragazza di bell’aspetto, intelligente e testarda. Eccellente cartografa e infallibile navigatrice, il suo sogno è quello di disegnare la carta nautica di tutti i mari del mondo. È inoltre un’abile ladra, attirata da guadagni e ricchezze. La sua taglia ammonta a 66 milioni di Berry.

Foto generiche

Usop: è il cecchino e cannoniere della Ciurma. Oltre ad avere una mira infallibile, è un grande inventore e anche un discreto carpentiere e disegnatore. Bugiardo e pavido, aspira tuttavia a diventare un coraggioso guerriero del mare per rendere fiero il padre Yasop. In combattimento ricorre ad una grossa fionda. La sua taglia ammonta a 200 milioni di Berry.

Foto generiche

Sanji: è il cuoco della Ciurma. Giovane di bell’aspetto, ha un debole per il gentil sesso, invaghendosi di qualsiasi donna attraente incontri. Le sue tecniche di combattimento sono basate sull’utilizzo dei calci poiché preferisce preservare le proprie mani per cucinare. Desidera trovare l’All Blue, il leggendario luogo dove si dice convergano tutti i mari e le correnti del mondo e dove sarebbe quindi possibile trovare ogni tipo di pesce esistente. La sua taglia ammonta a 330 milioni di Berry.

Foto generiche

TonyTony Chopper: è una renna che ha ingerito il frutto Homo Homo, assumendo aspetto e comportamenti antropomorfi. Estremamente ingenuo e innocente, si unisce alla Ciurma come medico per espandere i propri orizzonti e rendere fiero il suo mentore Hillk. Il suo sogno è quello di diventare un medico in grado di curare qualsiasi tipo di malattia. La sua taglia ammonta a 100 Berry.

Foto generiche

Nico Robin: è un’archeologa che ha mangiato il frutto Fior Fior, che le dà la capacità di far apparire ovunque e senza limite qualunque parte del suo corpo. Inizialmente una loro avversaria, si unisce ai pirati di Rufy dopo gli eventi di Alabasta, finendo presto per affezionarsi ai suoi nuovi compagni. Il suo sogno consiste nel trovare il Real Poignee Griffe e fare luce sul Secolo Buio. La sua taglia ammonta a 130 milioni di Berry.

Robin ha mangiato il frutto del diavolo Fior Fior di tipo Paramisha quando era molto piccola, tanto da esserne già in possesso all’età di otto anni. Ciò le consente di creare parti del proprio corpo su qualsiasi superficie, compreso il proprio corpo o quello degli altri. Tuttavia, se una di quelle parti viene ferita, Robin sente il dolore come se fosse stato colpito il suo vero corpo.

Foto generiche

Franky: è un cyborg ma anche l’abile carpentiere che ha costruito la Thousand Sunny. Il suo sogno è realizzare una nave capace di solcare ogni mare e si unisce alla ciurma per verificare se la Thousand Sunny sia effettivamente in grado di farlo. Geniale inventore e costruttore, ha impiantato nel suo corpo e nella nave una serie di dispositivi da usare nelle situazioni più disparate. La sua taglia ammonta a 94 milioni di Berry.

Foto generiche

Brook: è un vecchio scheletro musicista e schermidore con i capelli afro. Ha mangiato il frutto Yomi Yomi, che gli ha permesso di ritornare in vita dopo essere morto; tuttavia, essendosi la sua anima persa nella nebbia nel tentativo di ritornare al suo corpo, questa lo ha ritrovato dopo un anno, quando ormai era diventato uno scheletro. Il suo sogno è tornare dalla balena Lovoon, così da rispettare la promessa fattale. La sua taglia ammonta a 83 milioni di Berry.

Foto generiche

Jinbe: è un uomo-pesce di tipo squalo balena e un ex membro della Flotta dei Sette noto con il soprannome “Il cavaliere del mare”. Jinbe è uno dei massimi esperti del karate degli uomini-pesce grazie al quale è in grado di manipolare l’acqua come se fosse una sostanza solida. È un eccellente timoniere. La sua taglia è di 438 milioni di Berry.

Foto generiche

Ciurma di Cappello di Paglia è ovviamente composta da fuorilegge come testimoniano le taglie sulla loro testa inoltre, la loro partecipazione ad una serie di imprese che hanno di fatto destabilizzato l’ordine mondiale e indebolito il Governo, ha fatto sì che venisse inserita fra le più pericolose al mondo. C’è anche da dire che Rufy e compagni hanno spesso ristabilito l’ordine dove invece il Governo aveva fatto scoppiare disordini, guerre e rivolte.

I migliori villain

Facciamo invece una rapida carrellata su alcuni dei villain più temibili e più iconici affrontati dalla Ciurma di Cappello di Paglia.

Bagy: è il capitano dei Pirati di Bagy e il direttore del Bagy’s Delivery. È stato un membro della Flotta dei Sette prima del suo scioglimento ed in passato è stato un apprendista dei Pirati di Gol D. Roger insieme a Shanks. Ha mangiato il Frutto del Diavolo Puzzle Puzzle di tipo Paramisha, che gli permette di scomporre il proprio corpo e rimontarlo in pochi secondi, proprio come un puzzle. Grazie a questo potere, Bagy può creare tecniche di attacco e di difesa originali ed efficaci. Il corpo, inoltre, si divide automaticamente se viene colpito da un’arma da taglio, dalle quali risulta completamente immune.

Foto generiche

Kuro: è il capitano dei Pirati Kuroneko. Freddo, sanguinario, astuto ed estremamente intelligente. È diventato famoso nel Mare Orientale per essere l’ideatore di numerosissimi piani tutti perfettamente riusciti. Egli non si fa scrupoli ad eliminare chiunque possa ostacolare la riuscita di un suo progetto, e perfino la sua intera ciurma è sacrificabile ai suoi occhi. Kuro usa una tecnica chiamata Passo Felpato per correre ad una velocità sorprendente, che sfrutta per librare i suoi colpi. Inoltre utilizza un’arma chiamata Artigli da Gatto: un paio di guanti neri e pelosi le cui dita terminano con una lunga lama affilata, simile a quella di una katana.

Foto generiche

Arlong: è un uomo-pesce di tipo pesce sega e il capitano dei Pirati di Arlong, in passato ha fatto parte dei Pirati del Sole. Alto e muscoloso, la sua caratteristica più evidente è il naso lungo e seghettato. Considera gli umani degli esseri inferiori ed è solito disprezzarli. Non si fa scrupoli ad ucciderne molti a sangue freddo e fin da giovane desiderava imporre con brutalità la supremazia degli uomini-pesce su di essi.

Tuttavia, nei casi in cui comprende di potere utilizzare a proprio vantaggio alcune loro capacità, preferisce legarli a sé o assoldarli, come fa con Nami e Nezumi.
Come tutti gli uomini-pesce, Arlong possiede le abilità tipiche della sua razza, come la capacità di respirare sott’acqua, il nuotare molto velocemente e la forza dieci volte superiore a quella di un comune umano sulla terraferma e venti volte se in acqua. Tuttavia la sua forza è addirittura superiore anche alla media degli altri uomini-pesce.
Arlong possiede un’arma simile ad una zanbato, ma costituita da denti affilati chiamata Kiribachi. 

Foto generiche

Crocodile: è stato un membro della Flotta dei Sette ed era il presidente della Baroque Works. Ha molta fiducia in se stesso e nelle sue capacità. Si diverte a giocare con gli avversari più deboli ad assume spesso un’aria di sufficienza durante le battaglie. È estremamente intelligente e astuto, dal momento che è stato in grado di manipolare l’intero regno di Alabasta, mostrandosi come un eroe nazionale mentre pianificava di rovesciare il re e di tenere il Governo Mondiale all’oscuro di tutto.

Crocodile ha mangiato il frutto del diavolo Sand Sand di tipo Rogia che gli consente di diventare, creare e manipolare sabbia. Possiede un uncino metallico al posto della mano sinistra che utilizza in combattimento, per trafiggere gli avversari o sferrare colpi percussivi. Il suo frutto del diavolo gli consente inoltre di aumentare esponenzialmente la portata di quest’arma, allungando e manovrando il suo braccio a piacimento.

Foto generiche

Ener: nativo di Bilca è l’ex dio di Skypiea. Dal fisico asciutto e muscoloso, al contrario della maggior parte degli abitanti del cielo, sulla schiena non possiede ali, ma quattro tamburi con raffigurate delle tomoe, da cui può generare tre bestie elettriche. È una persona arrogante, egocentrica, sadica e totalmente priva di scrupoli, anche quando si tratta di uccidere altri esseri viventi.
Ener ha mangiato il frutto del diavolo Rombo Rombo di tipo Rogia.

Ciò gli permette di utilizzare una gran quantità di attacchi basati sull’elettricità. Oltre a questo, può rendersi intangibile, muoversi alla velocità del fulmine, spostarsi attraverso i conduttori elettrici. Sa utilizzare l’Ambizione della percezione, nota a Skypiea come Mantra. Questa abilità gli permette di prevedere con grande facilità gli attacchi nemici. Ener possiede il Nonosama, un bastone d’oro che egli può rimodellare a piacimento fondendolo e plasmandolo con i suoi poteri elettrici.

Foto generiche

Rob Lucci: è un membro del CP0. Non rivela mai alcuna emozione, tranne a volte la soddisfazione. Non sopporta inoltre il fatto di essere insultato né i segni di debolezza e per questo è disposto ad uccidere coloro che li mostrano. In combattimento è estremamente violento e prova piacere nell’infliggere ferite al nemico.

Lucci è un combattente nato, inoltre, grazie agli anni di allenamento estremamente duro a cui è stato sottoposto sin da bambino, possiede una forza fisica sovrumana, superiore persino a quella degli altri membri del CP9. Ha mangiato il frutto del diavolo Felis Felis modello leopardo di tipo Zoo Zoo, che gli ha donato la capacità di trasformarsi in un leopardo ed in un ibrido umano-leopardo.

È esperto nell’uso delle Rokushiki al punto da avere sviluppato delle varianti personali ad alcune di queste tecniche. Inoltre è l’unico ad avere mostrato di sapere utilizzare il Rokuogan, una tecnica segreta che racchiude tutte le Rokushiki in usa e che consiste nel rilascio di un intenso flusso di energia attraverso il corpo dell’avversario in grado di ferire perfino il corpo di gomma di Rufy. Conosce la tecnica della Reazione vitale e la utilizza per modificare la forma del suo corpo e sa utilizzare l’Ambizione della Percezione e l’Ambizione dell’Armatura.

Foto generiche

Sakazuki (Akainu): è il grand’ammiraglio della Marina. Sakazuki è un uomo spietato, burbero, freddo, violento e totalmente privo di compassione e di empatia; crede fermamente nella giustizia radicale e si dimostra implacabile quando la applica, come dimostrato durante la guerra per la supremazia. Ha autorità su tutta la Marina e il diritto di invocare un Buster Call (l’attacco definitivo in massa della Marina) su ogni isola che ritiene essere una minaccia per il Governo Mondiale.

Sakazuki ha mangiato il frutto del diavolo Magma Magma di tipo Rogia che gli dona la capacità di trasformare il corpo in magma e di produrne enormi quantità. Ha utilizzato l’Ambizione dell’armatura e sa adoperare anche l’Ambizione della percezione.

Foto generiche

Donquijote Do Flamingo: è il capitano dei Pirati di Donquijote. In passato è stato un agente di cambio clandestino, conosciuto come il Joker. Inoltre è stato un membro della Flotta dei Sette, il sovrano di Dressrosa ed un nobile mondiale. Arrogante e amante delle frasi ad effetto, Do Flamingo ha l’abitudine di sedersi nei luoghi più strani. Ama divertirsi con le sue vittime in modo sadico ed una mentalità estremamente sanguinaria.

Do Flamingo ha mangiato il frutto del diavolo Filo Filo di tipo Paramisha che gli ha dato la capacità di produrre dei fili che sono estremamente sottili e possono essere invisibili se non accorpati, rendendo quasi impossibile accorgersi di loro ed evitarli. Muovendo le dita può manipolare le sue vittime controllandole come marionette tramite i suoi fili. Principalmente utilizza questo potere per costringere gli avversari a combattere tra loro mentre li osserva divertito. È una delle poche persone a essere in grado di utilizzare tutti e tre i tipi di Ambizione.

Foto generiche

Kaido: è il capitano dei Pirati delle Cento Bestie e uno dei Quattro Imperatori. In passato è stato un membro dei Pirati di Rocks. Imponente e muscoloso, la sua stazza è molto simile a quella di un gigante, è un guerriero sicuro di sé e spietato, ha sempre bisogno di eccitazione, al punto da avviare una guerra nel mondo perché sente che è troppo banale. Questa sua incoscienza, accoppiata alla sua incapacità di morire, ha fatto sì che Kaido considerasse il tentare il suicidio un hobby. Lamenta che nessuno riuscirà mai a ucciderlo e ritiene che le persone raggiungano la perfezione nella morte e non nella vecchiaia.

Ha mangiato il frutto del diavolo Uo Uo modello Seiryu di tipo Zoo Zoo mitologico, che gli permette di trasformarsi in un drago orientale, potendo così produrre delle nuvole di fuoco per aggrapparsi su di esse e sollevarsi da terra, oltre sputare dalla bocca palle di fuoco, scariche elettriche e delle raffiche di vento a forma di falce. Sa usare l’Ambizione dell’armatura e padroneggia anche l’Ambizione del Re conquistatore. Kaido possiede un’enorme mazza chiodata ed è molto abile nell’utilizzarla.

Foto generiche

Marshall D. Teach (Barbanera): è il capitano dei Pirati di Barbanera e uno dei Quattro Imperatori. In passato è stato un membro della Flotta dei Sette e precedentemente dei Pirati di Barbabianca. La personalità di Teach è molto complessa e risulta essere un insieme di coraggio, strategia e stupidità: sa comportarsi in maniera subdola ed ingannevole ma commette spesso errori di ingenuità.

Non crede nella netta distinzione tra il bene e il male e ciò fa di lui una persona amorale: non si cura degli altri, soprattutto dei più deboli, non a causa di una natura intrinsecamente malvagia ma solo perché tende ad accettare il destino per come si presenta. Come gli altri portatori della Volontà della D., crede fortemente nei sogni. Teach ha mostrato di essere spesso molto calmo, composto, disinvolto, allegro e dallo spirito libero. È molto sarcastico e beffardo verso gli altri e ciò è dovuto al fatto che è molto presuntuoso.

Teach ha mangiato il frutto del diavolo Dark Dark di tipo Rogia, che gli consente di generare “oscurità” ed utilizzare la sua irresistibile forza di gravità. Con l’acquisizione del frutto del diavolo Gura Gura, considerato il più potente dei Paramisha, Teach può creare facilmente terremoti e onde d’urto in grado di portare distruzione e devastazione. Sa utilizzare l’Ambizione della Percezione. Infine Teach non dorme mai!

Foto generiche

Le saghe principali

Giunto in Italia al 97° volume, il manga di One Piece può essere diviso in grandi macro saghe.

Saga del Mare Orientale: Volumi 1-12 (Capitoli 1-100); episodi anime 1-61.
Rufy, ancora bambino, fa la conoscenza di Shanks. La saga inizia con una sequenza in analessi che narra l’esecuzione di Gol D. Roger e la “profezia” inerente la ricerca del suo leggendario tesoro. Rufy si dirige verso la Rotta Maggiore e recluta i primi membri della sua ciurma: Zoro, Nami, Usop e Sanji. Nel frattempo si guadagna anche una taglia di 30.000.000 berry.

Foto generiche

Saga della Baroque Works: Volumi 13-34 (Capitoli 101-217); episodi anime 61-130.
La ciurma di Cappello di Paglia vanno in soccorso della Nefertari Bibi e la aiutano a raggiungere il regno di Alabasta prima che scoppi una guerra civile. Durante il viaggio un’organizzazione segreta di nome Baroque Works cerca di fermarli in tutti i modi.
Alla ciurma si unisce TonyTony Chopper, la renna dottore, e Nico Robin. I protagonisti fanno inoltre la conoscenza di Portuguese D. Ace, il fratello di Rufy. La saga si conclude con un confronto a viso aperto con gli agenti più forti della Baroque Works guidati da Mr. Zero alias Crocodile, membro della Flotta dei sette. Bibi rimane ad Alabasta.

Foto generiche

Saga dell’Isola del Cielo: Volumi 24-32 (Capitoli 218-302); episodi anime 144-195.
I Pirati di Cappello di Paglia arrivano a Jaya e a Skypiea, una terra misteriosa che si trova oltre le nuvole. Una volta raggiunto questo luogo leggendario rimangono coinvolti in una battaglia tra il dio Ener e i guerrieri Shandia. Nel frattempo il Governo Mondiale cerca un sostituto per rimpiazzare Crocodile. Shanks e Barbabianca si incontrano faccia a faccia.

Foto generiche

Saga del CP9: Volumi 32-46 (Capitoli 303-441); episodi anime 207-325.
Rufy e il resto della ciurma riparte da Skypiea tornando nel Mare Blu. Lì affronta Foxy nel Davy Back Fight e poco dopo l’ammiraglio Aokiji. Dopo essere scampati alla sconfitta, i Pirati di Cappello di Paglia raggiungono Water Seven, la città dei carpentieri, dove Rufy spera di riuscire a reclutarne uno. Finiscono subito nei guai, attirandosi l’odio sia della Franky Family, un gruppo di smantellatori, sia della Galley-La company, una compagnia navale che vanta i migliori carpentieri al mondo.

Si scopre che la Going Merry non potrà più navigare e Rufy decide di comprare una nuova nave. Usop, amareggiato, lascia la ciurma. Nel frattempo il CP9 costringe Robin a seguirla ad Enies Lobby, ma i Pirati di Cappello di Paglia e i loro nuovi alleati la inseguono per poterla riportare indietro. La ciurma riesce nel suo intento e nel frattempo ottiene un nuovo membro dell’equipaggio: Franky, il loro nuovo carpentiere, che costruisce una nuova nave, la Thousand Sunny. Mentre stanno ripartendo, Usop chiede scusa e torna nel gruppo.

Foto generiche

Saga dell’arrivo alla Linea Rossa: Volumi 46-53 (Capitoli 442-513); episodi anime 326-407.
Rufy e i suoi pirati ripartono da Water Seven in direzione Linea Rossa. Nel triangolo Florian devono vedersela con il membro della Flotta dei sette Gekko Moria reclutando come nuovo compagno lo scheletro musicista Brook.
Successivamente raggiungono l’arcipelago Sabaody, tappa obbligata per prepararsi ad immergersi fino all’isola degli uomini-pesce. Là però succede l’impensabile e la ciurma viene completamente sconfitta da Orso Bartholomew.

Foto generiche

Saga della Guerra di Barbabianca: Volumi 53-61 (Capitoli 514-597); episodi anime 408-516.
Rufy raggiunge Amazon Lily dove incontra Boa Hancock che si innamora di lui. Avendo scoperto che il fratello verrà presto giustiziato dalla Marina, Rufy decide di andare a salvarlo anziché riunirsi al suo equipaggio. Hancock lo aiuta a raggiungere Impel Down dove Rufy si intrufola ma dopo aver scoperto che i suoi sforzi sono stati vani è costretto ad evadere con l’aiuto di Emporio Ivankov, un numeroso gruppo di trasformati, di Crocodile e di Jinbe.

Il gruppo si dirige a Marineford, dove Rufy si schiera dalla parte dei Pirati di Barbabianca. La guerra finisce con le morti di Ace e Barbabianca, provocando un crollo mentale in Rufy e lo sbilanciamento degli equilibri mondiali. Dopo essere stato portato in salvo Rufy decide di allenarsi per diventare più forte con l’aiuto di Silvers Rayleigh. Prima di iniziare questo allenamento fa recapitare un messaggio ai suoi amici: l’appuntamento è fissato per due anni dopo.

Foto generiche

Saga del Paradiso Subacqueo: Volumi 61-66 (Capitoli 598-653); episodi anime 517-574.
I Pirati di Cappello di paglia si riuniscono sull’arcipelago Sabaody e si dirigono verso il Nuovo Mondo, ma per farlo devono attraversare l’isola degli uomini-pesce. Lì sconfiggono la ciurma di Hody Jones, che voleva impossessarsi del regno. Al termine dell’avventura Rufy dichiara guerra all’imperatrice Big Mom.

Foto generiche

Saga dei Pirati di Donquijote: Volumi 66-80 (Capitoli 654-801); episodi anime 575-746.
La ciurma di Rufy raggiunge finalmente il Nuovo Mondo e riceve una richiesta di soccorso proveniente da Punk Hazard, un’isola su cui in passato Vegapunk aveva un laboratorio di ricerca. Mentre affronta Caesar Clown e la sua organizzazione, Rufy forma un’alleanza con Trafalgar Law con l’obiettivo di sconfiggere l’imperatore Kaido. L’alleanza sbarca su Dressrosa con l’intento di distruggere la fabbrica di Smile controllata dai Pirati di Donquijote in modo da scatenare uno scontro tra loro e Kaido indebolendoli così entrambi.

Tuttavia, a causa di una ribellione di coloro che erano stati trasformati in giocattoli così come il coinvolgimento di vari guerrieri famosi, un semplice sabotaggio si trasforma in uno scontro frontale che ha come risultato la sconfitta totale della ciurma di Do Flamingo. Al termine degli scontri i guerrieri che hanno lottato al fianco di Rufy decidono di giurargli fedeltà formando così la grande flotta di Cappello di Paglia.

Foto generiche

Saga degli Imperatori: Volumi 81-attuale (Capitoli 802-attuale); episodi anime 747-attuale.
Rufy, Zoro, Usop, Robin e Franky raggiungono Zo e lì si ricongiungono ai propri compagni. Dopo avere saputo cosa è successo a Sanji, Rufy decide di rinviare lo scontro con Kaido per salvare il suo compagno, prigioniero di Big Mom. Prima che possano salpare un sottoposto di Kaido, Jack, attacca l’elefante su cui sorge il regno dei visoni, ma l’animale si difende spazzando via le navi nemiche in pochi istanti. Rufy, Chopper, Nami e Brook, accompagnati da Pedro e Carrot, si inoltrano nel territorio che fa da base alla ciurma di Big Mom: Tottoland.

Foto generiche

Il manga

One Piece ha iniziato ad essere serializzato dalla casa editrice Shueisha sulla leggendaria rivista settimanale Weekly Shonen Jump dal 22 luglio 1997 mentre il primo tankobon, cioè la raccolta in volume dei singoli capitoli, è stato pubblicato il 24 dicembre 1997.

Foto generiche

La struttura dei singoli capitoli e dei tankobon è leggermente diversa rispetto a quella tradizionale. Oda utilizza la prima pagina di ogni capitolo per disegnare delle vere e proprie mini storie parallele agli avvenimenti che sta narrando che vengono portate avanti per diversi capitoli. Queste mini avventure servono spesso per dare un contesto migliore a personaggi secondari, luoghi o avvenimenti vari.

In ogni tankobon compare poi la rubrica SBS (Shitsumon o boshū suru, traduzione libera in “rispondo a domande”) in cui Oda risponde ad alcune delle domande dei fan e dei lettori fornendo spesso dettagli e curiosità sui personaggi e sul mondo dell’opera stessa.

In Italia One Piece è edito da Edizioni Star Comics che ha iniziato la pubblicazione il 1° luglio del 2001. Sono attualmente disponibili 94 dei 96 tankobon originali. L’edizione è fedele a quella originale inoltre l’editore perugino ha varato una ristampa chiamata One Piece New Edition a partire dal 2008.

Foto generiche

Oltre al manga, One Piece ha goduto di parecchi adattamenti in forma di romanzi e light novel. Queste pubblicazioni collaterali adattano spesso i film, gli OAV o gli episodi filler dell’anime ma ci sono ovviamente anche storie originali.

Le altre pubblicazioni

Finora sono stati pubblicati cinque romanzi con storie originali: One Piece: Avventura a Rogue Town, una light novel che riprende l’arco narrativo di Rogue Town (2000; in Italia è stato pubblciato da Kappa Edizioni. One Piece Novel – Straw Hat Stories (2017) che racconta alcuni avvenimenti ambientati durante diversi archi narrativi dal punto di vista dei vari membri della ciurma. Infine ci sono due romanzi dedicati rispettivamente a Portuguese D. Ace e a Trafalgar Law: One Piece novel A (2018, in due volumi e pubblicato in Italia da Edizioni Star Comics sempre in due volumi). Lo scorso 3 aprile 2020 è invece uscito One Piece novel Law.

Sono stati pubblicati 6 databook. Si tratta di volumi che elencano e descrivono i personaggi, le caratteristiche e le ambientazioni del mondo di One Piece, oltre a contenere interviste e dichiarazioni dell’autore che rivelano dettagli sulla creazione e lo sviluppo di vari elementi dell’opera. I volumi sono stati pubblicati anche in Italia da Edizioni Star Comics.

In ordine cronologico: One Piece Red – Grand Characters (2002, nel volume è contenuta anche la prima stesura di Romance Dawn, capitolo autoconclusivo che sarebbe poi diventato il prototipo di One Piece); One Piece Blue – Grand Data File (2002); One Piece Yellow – Grand Elements (2007); One Piece – Green Secret Pieces (2010, il volume raccoglie le mini storie svoltesi fino a quel momento e riporta le bozze iniziali di alcuni personaggi); One Piece Blue Deep – Characters World (2012, volume commemorativo per il 15° anniversario della serie contenente anche il Capitolo 0 scritto in occasione dell’uscita del decimo film e già contenuto nello speciale Volume 0).

 One Piece Vivre Card (2018, è un volume componibile costituito da due raccoglitori ad anelli nei quali vengono inserite delle card, ciascuna dedicata a un personaggio e riportanti informazioni e aneddoti relativi al personaggio trattato. Le card sono suddivise in blocchi da sedici in base ai vari archi narrativi e ai gruppi ai quali i vari personaggi sono affiliati; i blocchi sono stati messi in vendita, due per volta, a cadenza mensile).

Foto generiche

In occasione dell’uscita del film One Piece Film: Strong World (in Italia One Piece – Avventura sulle isole volanti) è stato regalato il Volume 0 che contiene il cosiddetto Capitolo 0, pubblicato anche su Weekly Shōnen Jump, che narra lo scontro tra Shiki e Gol D. Roger e la successiva deportazione a Impel Down del primo, oltre a diverse pagine di immagini e informazioni riguardanti il film. Il capitolo è stato inoltre animato e distribuito come un OAV in edizione limitata a sole 3.000 copie in collaborazione con House Foods, nota marca di cibi.

La serie One Piece Color Walk, composta in totale da nove volumi, raccoglie illustrazioni a colori, bozzetti preparatori delle copertine, alcuni commenti di Oda e interviste effettuate da Oda ad altri mangaka. In Italia Edizioni Star Comics ha pubblicato solo due volumi della serie.

La serie One Piece Doors!, composta da tre volumi, raccoglie le tavole d’apertura in bianco e nero dei capitoli, tra cui le mini storie dei personaggi. Sono stati tutti pubblicati in Italia da Edizioni Star Comics.

La serie One Piece 500 Quiz Book, composta da tre volumi, come suggerisce il titolo, è composta da volumi con oltre 500 domande (e risposte) sulla serie fornendo così ulteriori dettagli e curiosità sull’opera. In Italia, Edizioni Star Comics ha pubblicato i primi due volumi.

Foto generiche

One Piece Magazine è invece una rivista varata nel 2017 che raccoglie illustrazioni originali di Oda, sessioni di domande e risposte, interviste e anticipazioni sulle pubblicazioni, sul merchandise e su tutte le iniziative riguardanti il franchise. La rivista non ha cadenza di uscita regolare e finora sono usciti undici numeri.

Infine vi è una vasta produzione di libri con protagonisti i personaggi del franchise in versione mirai bunko. Si tratta di pubblicazioni che per formato e contenuti sono indirizzate principalmente ai bambini e ai ragazzi delle scuole elementari e medie.

Crossover e spin-off

One Piece ha incrociato la strada con altri due storici franchise di Weekly Shonen Jump. Nel 2006 è uscito il crossover con Dragon Ball intitolato Cross Epoch mentre nel 2011 è uscito quello con Toriko di Mitsutoshi Shimabukuro intitolato Jitsushoku! Akuma no Mi!!

Foto generiche

Fra le serie spin-off da segnalare Chopperman alla Riscossa di Hirofumi Takei che racconta le avventure di Chopperman, supereroe creato da Oda per gli omake (bonus) del databook One Piece Blue – Grand Data File e basato su TonyTony Chopper, alle prese con il perfido Usodabada, basato su Usop. A loro si aggiungono i vari membri della ciurma di Cappello di paglia in vari ruoli. La serie in 5 volumi è stata pubblicata anche in Italia da Edizioni Star Comics. Al personaggio è stato poi dedicato un episodio filler dell’anime.

One Piece Party di Ei Ando in stile super deformed, ha iniziato la serializzazione a gennaio 2015 sulla rivista Saikyo Jump. Anche questa serie è pubblicata in Italia da Edizioni Star Comics.

One Piece Academia è invece una commedia spin-off basata sulle avventure dei personaggi di One Piece alle prese con il mondo scolastico scritta e disegnata da Sohei Koji.

L’anime

La prima versione animata di One Piece è un OAV promozionale realizzato per il Jump Super Anime Tour 1998 intitolato One Piece: Taose! Kaizoku Gyanzac. Fu creato dallo Studio Production I.G per la regia di Goro Taniguchi ed il character design dello stesso Eiichiro Oda.

La serie anime vera e propria verrà invece realizzata da Toei Animation e debutterà il 20 ottobre del 1999. L’anime di One Piece va ancora in onda su Fuji TV ogni domenica nello slot 9:30/10:00 e conta 962 episodi totali (dal 207 in alta definizione). Per mantenere un congruo distacco degli episodi dell’anime dai capitoli del manga, vengono talvolta inserite delle puntate filler, solitamente raggruppate attorno a brevi archi narrativi.

Della serie anime fanno anche parte alcuni simpatici episodi crossover con Dragon Ball e Toriko (si tratta degli episodi 492, 542, 590 – gli episodi 492 e 542 cioè quelli crossover con Toriko non sono andati in onda in Italia per questioni di diritti).

In Italia l’anime ha debuttato sulle reti Mediaset nel 2001 con un adattamento curato dalla Merak Film di Milano. La serie è convenzionalmente divisa in stagione, anche se in realtà è un’unica serie, ed è stata trasmessa regolarmente fino al 2005 cioè fino all’episodio 195. Poi sono iniziate le lunghe pause dovute sia all’acquisizione dei blocchi di episodi sia alle sessioni di doppiaggio: attualmente la serie in italiano è ferma all’episodio 578 andato in onda nel 2018. Questi primi 578 vengono regolarmente replicati soprattutto su Italia 2.

In “soccorso” dei fan italiani è arrivata la piattaforma Crunchyroll che, dal 22 febbraio 2020, ha reso disponibili in simulcast libero gli episodi a partire dall’episodio 921. Successivamente sono stati resi disponibili anche i primi 206 episodi ma ai soli utenti premium.

Foto generiche

Come spesso accade per le serie animate che devono essere trasmesse sulle reti generaliste, anche One Piece ha subito un adattamento molto pesante che va dalla modifica dei nomi dei personaggi fino a tagli ed oscuramenti per scene di nudo o violenza. 

La modifica più radicale è sicuramente quella del cambio di nome del protagonista che da Monkey D. Rufy diventa Rubber (ricordiamo che la D. contenuta nel suo nome riveste grande importanza ai fini della storia). Curiosamente si cerca di riparare a questa disattenzione: nell’episodio 45 per esempio si dice che Rubber sia solo un soprannome, sebbene nell’episodio 4 Shanks si rivolga a lui chiamandolo Rubber nonostante non abbia ancora mangiato il Frutto del Diavolo. Nell’episodio 400 poi Silvers Rayleigh rivela il nome completo del protagonista, ovvero Monkey D. Rubber, tuttavia nell’episodio 401, nel prologo iniziale, viene chiamato Monkey D. Luffy detto Rubber.

I film e gli speciali

La produzione animata legata a One Piece si arricchisce di una vasta produzione di film, OAV e speciali.

I film escono dal 2000 quasi a cadenza annuale e solitamente narrano storie originali scollegate dalle trame principali del manga o rinarrano parti di essa.

Finora ne sono usciti 14, eccoveli in ordine cronologico: One Piece – Per tutto l’oro del mondo; One Piece – Avventura all’Isola Spirale (il film è stato accompagnato da un cortometraggio intitolato Jango’s Dance Carnival); One Piece – Il tesoro del re (il film è stato accompagnato da un cortometraggio intitolato Dream Soccer King!); One Piece – Trappola mortale; One Piece – La spada delle sette stelle (il film è stato accompagnato da un cortometraggio intitolato Take Aim! The Pirate Baseball King); One Piece – L’isola segreta del barone Omatsuri; One Piece – I misteri dell’isola meccanica; One Piece – Un’amicizia oltre i confini del mare (il film è stato accompagnato da un remake degli episodi 64, 65, 66 e 67 dell’anime).

One Piece – Il miracolo dei ciliegi in fiore; One Piece – Avventura sulle isole volanti (il film è stato accompagnato da un cortometraggio intitolato Episodio 0 ambientato 25 anni prima dell’inizio della narrazione.); One Piece 3D – L’inseguimento di Cappello di Paglia; One Piece Film: Z (il film è stato accompagnato da un cortometraggio intitolato Glorious Island); One Piece Gold – Il film;  One Piece Stampede – Il film.

Foto generiche

Nel 2011 sono stati prodotti anche due corti in computer grafica intitolati Sennyu!! Sauzando Sani Go One Piece 3D Gekiso! Trap Coaster

A partire dal 2000 vengono prodotti anche degli speciali televisivi che vengono trasmessi sempre su Fuji TV.

Finora ne sono usciti 13, eccoveli in ordine cronologico: One Piece – Avventura nell’ombelico dell’oceano; One Piece – Un tesoro grande un sogno; One Piece – L’ultima esibizione (One Piece: Mamore! Saigo no daibutai?); One Piece – Le avventure del detective Cappello di Paglia;  Episode of Nami: Kōkaishi no namida to nakama no kizuna; Episode of Luffy: Hand Island no bōken; Episode of Merry: Mō hitori no nakama no monogatari; 3D2Y: Ace no shi wo koete! Luffy nakama to no chikai.

 Episode of Sabo: San-kyōdai no kizuna – Kiseki no saikai to uketsugareru ishi; Adventure of Nebulandia; Heart of Gold; Episode of East Blue: Luffy to yo-nin no nakama no dai-bōken; Episode of Sorajima (Episōdo obu Sorajima?).

I primi quattro sono stati trasmessi anche in Italia su Italia 2 dal 12 al 15 giugno 2014.

Foto generiche

Da segnalare anche l’ONA (original net anime) uscito nel 2008 per il Jump Super Anime Tour e intitolato One Piece: Romance Dawn Story. Questo episodio per il web è ispirato alla prima versione di Romance Dawn di Eiichiro Oda ma è ambientato dopo la partenza da Thriller Bark in quanto compaiono sia la Thousand Sunny che Brook.

La serie TV live action di Netflix

Il 21 luglio 2017, in occasione del 20° anniversario della serie, è stata annunciata la serie TV live action di One Piece che sarà per Netflix da e verrà prodotta da Tomorrow Studios e ITV Studios. Steven Maeda sarà showrunner e co-sceneggiatore insieme a Matt Owens (Luke Cage, Agents of S.H.I.E.L.D., The Defenders) mentre Marty Adelstein (Prison Break, Teen Wolf), Becky Clements (Cowboy Bebop, Snowpiercer, Hanna) e Eiichiro Oda saranno i produttori esecutivi

La prima stagione dovrebbe comporsi di 10 episodi e il primo episodio dovrebbe intitolarsi “Romance Dawn” e si aprirebbe a Logue Town dove il giovane Smoker osserva dalla folla l’esecuzione di Gol D. Roger, scena vista nell’anime ma non nel manga. Proprio l’esecuzione di Gol D. Roger avverrebbe per mano dell’Ammiraglio della Marina Kong e del suo successore Sengoku. Successivamente l’episodio si sposterebbe nel villaggio di Foosha e, ovviamente, su Monkey D. Rufy e sull’incontro tra il ragazzo di gomma e  l’Imperatore Shanks “Il Rosso” che anticipa la partenza e l’incontro con Zoro.

Un franchise miliardario

One Piece è attualmente uno dei franchise più remunerativi di sempre. Il guadagno stimato fra tutte le sue declinazioni commerciali e multimediali è di circa 20 miliardi di dollari (stima datata 2019).

Praticamente sin dal suo esordio la serie è letteralmente esplosa in ogni tipo di merchandise che va dall’abbigliamento alle più classiche action figures (Banpresto) fino ovviamente alle molte interazioni videoludiche (Bandai Namco).

Quello che colpisce del franchise tuttavia è stata la capacità di penetrare ambiti davvero eterogenei. Per esempio la rivista giapponese di moda Men’s Non-no ha utilizzato, per il numero uscito a gennaio 2020, Monkey D. Rufy come modello insieme a Nami, Robin, Zoro e Sanji. E c’è anche un po’ di Italia: nel 2008 Toei Animation ha sponsorizzato la Pallavolo Modena realizzato delle divise speciali indossate dai liberi Pietro Rinaldi e Edoardo Ciabattini.

Foto generiche

One Piece, per la sua caratteristica ambientazione, inoltre si presta bene ad essere trasposto in attrazioni e parchi a tema.

Una replica della Going Merry, la prima nave dell’equipaggio di Cappello di Paglia, viene esposta durante le mostre e le esibizioni sponsorizzate da Shueisha, Toei Animation e Fuji TV a Odaiba (Tokyo). Per commemorare il decimo anniversario della serie, a Kamakura venne creata una speciale casa sulla spiaggia somigliante alla Thousand Sunny. Una replica della nave lunga trenta metri e in grado di navigare è stata allestita nel 2011 nel parco a tema Huis ten Bosch a Sasebo in Giappone come parte di un più vasto allestimento in tema.

Tra i numerosi parchi divertimento e esposizioni dedicati alla serie, il One Piece Memorial Log in Lagunasia ha ricreato nel 2010 le tappe delle avventure della ciurma di Rufy, mentre nel 2015 è stato allestito il parco a tema One Piece Tower nella Tokyo Tower, che ospita attrazioni, spettacoli, ristoranti e negozi (chiuso nel 2020 a seguito dell’emergenza sanitaria causata dal COVID-19). Nel 2012 è stato inaugurato a Shibuya il One Piece Mugiwara Store, il primo negozio permanente di One Piece.

Foto generiche

L’incredibile successo commerciale

Con la pubblicazione del Volume 98, One Piece ha superato le 400 milioni di copie in circolazione nel solo Giappone e raggiunto le 480 milioni di copie in circolazione a livello mondiale negli oltre 40 paesi in cui viene pubblicato.

A partire dal 2008, il manga è stato in assoluto il manga più venduto almeno fino al 2019 quando è stato scalzato da Demon Slayer – Kimetsu no Yaiba. Ma One Piece non ha superato solo i best seller assoluti della rivista Weekly Shonen Jump nel 2011 (Kochira Katsushika-ku Kameari kōen-mae hashutsujo e Dragon Ball) ma ha anche contribuito in maniera importante a risollevare in generale le vendite della storica rivista dopo un periodo di flessione durato circa 10 anni.

Da sottolineare alcuni record di vendite importanti dal punto di vista delle copie vendute nella prima settimana di pubblicazione. Il Volume 50 ha venduto 1 milione di copie, il Volume 60 oltre 2 milioni di copie (raggiungendo poi in totale le 3 milioni di copie), il Volume 56 ha avuto la tiratura iniziale più alta di sempre per un manga pari a 2.85 milioni di copie stampate mentre il Volume 57 con una tiratura di 3 milioni di copie è il libro con la tiratura più alta di sempre in Giappone, non soltanto fra i manga, superando Harry Potter e l’Ordine della Fenice.

Attualmente è il Volume 67 a far registrare la tiratura più alta con 4.05 milioni di copie. Dal 2011 è costantemente fra i fumetti più venduti in Francia.

Foto generiche

Nel 2015 inoltre One Piece è entrato nel Guinness dei Primati come serie a fumetti disegnata da un singolo autore con il maggior numero di copie pubblicate (quell’anno assestatesi intorno alle 320 milioni). One Piece è stato finalista al premio culturale Osamu Tezuka per tre anni di fila, dal 2000 al 2002 stabilendo il record di candidature da parte del pubblico nei primi due anni.

Anche l’anime ha avuto un buon successo in Giappone e, nonostante la sua longevità, nei primi dieci anni di trasmissione si è mantenuto su livelli d’ascolto costanti di circa il 10% di share, con picchi del 13,8%. One Piece è stato inserito al quinto posto nella lista degli anime che dovrebbero essere ricordati nel XXI secolo e un sondaggio web condotto nel 2005 dal network televisivo TV Asahi ha collocato la serie al sesto posto tra gli anime più popolari. Un primato meno nobile: a fine luglio 2008 era la serie tv più scaricata al mondo via torrent.

Foto generiche

Questa breve panoramica sulle cifre di One Piece ci fa ben comprendere perché la serie si è guadagnato l’appellativo de “il manga dei record”.

Il successo di critica… anche a livello mondiale

One Piece è una delle opere più apprezzate in Giappone ed è ritenuto l’anello di congiunzione fra lo shonen degli anni ’80 (come il già citato Dragon Ball) e quello degli anni 2000 (Bleach, Naruto solo per citare  i più conosciuti) nonché punto di riferimento per autori e lettori di tutto il mondo.

Superata la peculiare ambientazione piratesca infatti il manga è apprezzato per la sua trama avventurosa e romantica in cui si mescolano in maniera originale, evitando il più possibile la ripetitività, fantasy, umorismo, combattimento e soprattutto la sua impostazione basata su personaggi portatori di valori molto forti.

Queste caratteristiche così sincretiche rendono One Piece un’opera universale dallo stile narrativo e grafico capace di influenzare non solo la produzione manga attuale ma anche “ibridando” la produzione franco-belga, italiana e in parte statunitense non tanto nell’ambito della serialità classica quanto in quella autoriale.

Foto generiche

Uno dei primi punti di forza nello stile del sensei Oda è la capacità di utilizzare molti personaggi contemporaneamente disseminando speso nella narrazione piccoli indizi che vengono poi ripresi anche molti capitoli dopo.

L’altro punto di forza invece è sicuramente la grande immaginazione dell’autore. Non basta infatti creare un mondo, bisogna “popolarlo” e il mangaka cura nei minimi dettagli il mondo di One Piece non lasciando nulla al caso. Le ambientazioni variegate e il design fantasioso stimolano nei lettori un senso di meraviglia capace di rinnovarsi saga dopo saga complice anche un gruppo di protagonisti affiatato e ben caratterizzato.

Leggendo One Piece è difficile non identificarsi con l’entusiasmo di Rufy, con la sua forza e volontà nell’inseguire il suo sogno di recuperare il tesoro e diventare il Re dei Pirati. Riducendo ai minimi termini le tematiche dell’opera infatti risalta la componente fortemente motivazionale dei protagonisti.

Foto generiche

Infine, a differenza di altri shonen, One Piece ha saputo catturare una vasta platea femminile grazie ai personaggi femminili che non hanno mai solo un ruolo accessorio ma agiscono alla pari con quelli maschili.

Volendo tracciare una piccola parabola evolutiva della serie, è facile riscontrare un cambio di passo. Una prima parte, più semplice e lineare, termina con l’ingresso nella Rotta Maggiore. Da lì in poi i personaggi iniziano ad essere caratterizzati in maniera più approfondita grazie anche all’uso sapiente degli antagonisti. La maturità di Oda è idealmente indentificata nelle saghe di Alabasta e Sypea con l’introduzione di numerose sottotrame e ambientazioni complesse con strutture sociali credibili e antefatti che influenzano tutt’ora gli eventi della serie.

C’è stato ovviamente anche un piccolo calo fisiologico la cui curva è iniziata a risalire con le saghe di Impel Down e con il salto temporale prima dell’ingresso nel Nuovo Mondo che hanno anche rivitalizzato la trama principale e numerosi personaggi.

Acquistate l’ultimo lungometraggio animato della serie intitolato One Piece: Stampede – Il Film.