Cinema e Serie TV

Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria: anteprima del film di animazione Netflix

Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria è il nuovo film di animazione originale Netflix, in arrivo sulla piattaforma di streaming a partire dal 23 ottobre. Abbiamo visto il film in anteprima e ne siamo rimasti completamente incantati. Di seguito la sinossi ufficiale del film:

Una brillante ragazzina, spinta dalla determinazione e dalla passione per la scienza, costruisce una navicella spaziale per andare sulla Luna e dimostrare l’esistenza della leggendaria dea che vi abita. Una volta atterrata, rimane coinvolta in una ricerca inaspettata e scopre un luogo bizzarro popolato da creature fantastiche. Diretto dal leggendario animatore Glen Keane e prodotto da Gennie Rim e Peilin Chou, “Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria” è un’emozionante avventura musicale che racconta la capacità di andare avanti, l’accettazione di novità inattese e il potere dell’immaginazione.

Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria, è una co-produzione Pearl Studio e Netflix e vede come produttrici Gennie Rim e Peilin Chou. Nella versione originale del film, la voce di Fei Fei è data dall’attrice sino-filippina Cathy Ang.

Over the Moon: Glenn Keane ci porta sulla Luna

Over the Moon

Over the Moon è la storia di Fei Fei, una ragazzina cinese molto sveglia appassionata di scienza e astronomia, che grazie ad un’esperienza letteralmente fuori dal mondo sarà in grado di superare un proprio trauma e accettare il naturale cambiamento della sua vita famigliare. A dirigere questa favola animata troveremo Glenn Keane, un vero e proprio titano dell’animazione occidentale, ma pressoché sconosciuto al grande pubblico. Questa mancanza di riconoscimento al di fuori del mondo dell’animazione si deve alla sua presenza ultradecennale dietro le quinte di alcuni dei film di animazione Disney più famosi e amati: tra le sue animazioni troviamo Ariel, Tarzan e John Silver.

Il lavoro di Keane in Disney non si è però limitato al dare vita ai personaggi: la sua maestria lo ha portato a ruoli di responsabilità nel tempo sempre maggiori, tra cui il supervising animator nei classici La Bella e la Bestia, Aladdin e Pocahontas. Il sodalizio con Disney si interrompe nel 2012 poiché Keane desiderava esplorare nuovi orizzonti dell’animazione. Negli anni che hanno preceduto la produzione di Over the Moon, Keane insieme a Kobe Bryant ha diretto il corto d’animazione Dear Basketball, vincendo l’Oscar come Miglior Corto di Animazione.

Over the Moon

Dopo quasi 40 anni passati dietro al tavolo da disegno, Over the Moon rappresenta così la prima esperienza di regia in un lungometraggio animato, dove, alla testa di un team di animatori provenienti da Sony Pictures Imageworks, Keane ci regala un’avventura che rende omaggio sia alla favola musicale animata che alla mitologia cinese. L’unione di questi elementi genera qualcosa che è perfettamente familiare per la maggior parte di noi ma al tempo stesso sorprende per la resa visiva, la messa in scena e la freschezza con cui i personaggi del film sono descritti.

Over the Moon

Trattandosi di un musical animato, nel film sono presenti diverse canzoni, attraverso le quali i personaggi presentano stati d’animo, motivazioni e obiettivi. Le musiche del film sono state composte da Christopher Curtis (Chaplin), Marjorie Duffield, Helen Park (KPOP) e Steven Price (Gravity). Nella versione italiana del film, le canzoni sono interamente cantate in italiano: tuttavia abbiamo avuto modo di vedere il film sia in italiano che in lingua originale e vi consigliamo un ascolto di entrambe le versioni.

Il fantastico mondo di Lunaria

Over the Moon

La storia di Over the Moon inizia sulla Terra per spostarsi poi sulla Luna, o più precisamente su Lunaria, una città situata nel punto più remoto del satellite terrestre. La narrazione e la direzione artistica seguono così registri distinti e ben codificati, in cui scienza e leggi fisiche rappresentano il paradigma terreno mentre nello spazio è la dimensione del mito e dell’inaspettato a dominare.

Il mondo ritratto in Over the Moon è una vera festa per gli occhi. La Cina e la dimensione famigliare di Fei Fei sono ricche di dettagli e animate da una sensazione di calore fatto di spazi conosciuti e raccolti, per contro Lunaria è diverso da tutto ciò che abbiamo mai visto, caratterizzato da colori ultra saturi e brillanti, in contrasto con il nero dello spazio. È un luogo popolato da fantasiose forme tondeggianti e abitanti bizzarri, ispirati alle creature e agli elementi del folklore cinese. In questo fiorire di galli motociclisti, leoni volanti e simpatici dolcetti lunari, su tutti si staglia Chang’e, la Dea della Luna cinese.

Over the Moon

Chang’e, in quanto emanazione della Luna, condivide con essa tutte quelle caratteristiche con cui l’uomo ha in qualche modo umanizzato questa figura mitologica: la Luna è splendente, bellissima fonte di ammirazione e ispirazione, ma è anche capricciosa e vanesia. Chang’e è tutto questo e ci viene presentata infatti come una vera diva; in un primo momento questo personaggio è ciò che identificheremmo come il cattivo del film, tuttavia Over the Moon sorprende anche per la profondità conferita a questo personaggio, da cui si rimarrà abbagliati, anche grazie alla bellezza delle canzoni a lei riservate.

Elaborazione del lutto e crescita personale

I temi principali di questa favola animata sono la perdita e la capacità di andare avanti interiorizzandola. Perdere una persona amata è uno dei traumi personali più forti a cui venire sottoposti e guarire da una simile ferita è un processo che richiede tempo. Fei Fei, per via della sua giovane età, non è in grado di elaborare questi sentimenti, rifiutando il cambiamento e spingendo ad isolare sé stessa dalle persone estranee al suo nucleo familiare.

Over the Moon

Il viaggio di Fei Fei è quindi una metafora del suo percorso interiore: l’avventura sulla Luna la aiuterà ad andare oltre, a scoprire un nuovo equilibrio permettendo a sé stessa di amare nuovamente ed essere amata. Uno degli aspetti più toccanti di Over the Moon è rappresentato da questo filo rosso emotivo che lega Fei Fei a Chang’e: entrambe hanno subito una perdita e entrambe sono convinte di lenire il proprio dolore nella persistenza di un ricordo personale.

La corsa agli Oscar di Netflix

La crescita di Netflix negli anni è stata esponenziale: da servizio di noleggio di DVD a colosso dell’intrattenimento in grado di produrre contenuti di qualità competitivi con quelli delle major dell’entertainment. L’ascesa del servizio di streaming è qualcosa di travolgente e ampiamente riconosciuto dal pubblico, che trova riscontro in numeri impressionati di visualizzazioni dei titoli (originali e non) presenti sul suo catalogo.

Nonostante questo, lo streamer risente di un certa ostilità dagli altri soggetti del settore, che di volta in volta sono pronti a lanciare strali contro la distribuzione in streaming dei contenuti. In un certo senso è come se Netflix dovesse ogni volta ricordare agli altri che è in grado di produrre e diffondere (anche al cinema) film di valore e interesse per il pubblico e proprio per questa ragione la grande N rossa è a caccia di riconoscimenti internazionali, puntando ovviamente anche agli Oscar, il premio cinematografico per antonomasia.

Over the Moon

Per ora solo RomaStoria di un matrimonio e una manciata di documentari sono stati in grado di arrivare a tanto, tuttavia dopo la nomination dello scorso anno di Klaus – I segreti del Natale come miglior film di animazione, pensiamo che quest’anno con Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria, Netflix abbia tutte le carte in regola per competere nell’edizione 2021 degli Academy Awards nella categoria animazione.
In termini di distribuzione in sala, esattamente come Klaus, anche questo lungometraggio animato ha beneficiato di un passaggio limitato nei cinema, quindi dovrebbe poter essere preso in considerazione dai membri dell’Academy.

Over the Moon

Con buona probabilità questa pellicola dovrà sostenere lo scontro diretto con Disney/Pixar, la quale può contare con due gemme come Onward e Soul, curiosamente altri due film di animazione incentrati sulla crescita personale e sulla morte.
Purtroppo non abbiamo avuto ancora modo di vedere Soul, tuttavia sia per direzione artistica, che per sviluppo del tema trattato abbiamo trovato Over the Moon superiore all’avventura dei due fratelli elfi Barley e Ian.

In conclusione

Glenn Keane ci regala Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria, conducendoci in un viaggio straordinario e visivamente sorprendente sulla Luna, alla ricerca della Dea che vi abita. È un film di animazione splendido e che arricchisce il genere delle classiche fiabe musicali perfezionato dalla Disney, con elementi sia visivi che di trama freschi e inconsueti per un film di questo genere.

Scoprite tutto quello che c’è da sapere sulla Luna con il libro “Alla scoperta della Luna”, disponibile online.