Periferiche di Rete

Aruba, quarto Hyper Cloud Data Center entro il 2020

A distanza di circa un anno dall'inaugurazione del terzo data center, Aruba, il principale provider web italiano, ha annunciato il suo nuovo progetto in ambito IT, che prevede la realizzazione del suo quarto Hyper Cloud Data Center. L'opera è in progetto a Roma, promossa dalla Camera di Commercio di Roma e realizzata in collaborazione con la Regione Lazio e il Comune di Roma.

Nello specifico, il nuovo Hyper Cloud Datancenter nascerà nei pressi del Tecnopolo Tiburtino. Sarà costruito su un'area di 74.000 metri quadrati, rispettando i massimi standard di sicurezza e qualità infrastrutturale. Potrà raggiungere una potenza di circa 66 MW derivante al 100% da fonti rinnovabili. Sarà completamente ecologico e prevederà dei servizi di connettività gestita con collegamenti in fibra e trasporti dedicati. Al momento della sua realizzazione, sarà certificato Rating 4 secondo lo standard ANSI/TIA 942-A.

aruba progetto data center

L'Hyper Cloud Data Center di Roma sarà interconnesso con il campus di Arezzo (IT1 e IT2) e con il Global Cloud Data Center di Bergamo (IT3).

L'obiettivo del nuovo progetto di Aruba, è quello di diventare il principale punto di riferimento nell'ambito dei servizi e soluzioni data center, fisiche e in cloud, per le imprese la PA, gli Enti locali e il settore banking e finance.

Leggi anche: Inaugurato il Global Cloud Data Center, polo tech di Aruba

Con la realizzazione del 4° data center, infatti, Aruba potrà offrire un servizio distribuito su tutto il territorio italiano, essenziale in ambito di Disaster Recovery e Business Continuity. Ad esempio, il cliente avrà l'opportunità di decidere dove mettere la propria infrastruttura primaria o secondaria in base alla posizione geografia. Inoltre, potrà scegliere tra soluzioni cloud, collocation o ibride.

Leggi anche: Aruba a SMAU Milano 2017 punta sul cloud

L'opera dovrebbe essere conclusa nella primavera del 2020 e prevede un investimento di 300 milioni di euro in 5 anni. Ad oggi, il Tecnolopolo Tiburtino ospita già più di 130 realtà imprenditoriali tecnologicamente innovative.