CPU

Conclusioni

Pagina 11: Conclusioni

Conclusioni

È raro per i professionisti cambiare una CPU vecchia di una generazione per fare un aggiornamento, ma tecnicamente è ciò che Intel vi consente di fare con la gamma Xeon E5-2600 v2. L'azienda è passata dal processo produttivo a 32 a 22 nanometri, offrendo allo stesso tempo processori più complessi – fino a 12 core fisici e 30 MB di cache L3 condivisa – che rientrano all'interno dei TDP stabiliti in precedenza e sono compatibili con le attuali piattaforme LGA 2011 (dopo un aggiornamento firmware).

Oltre all'aumento del numero di core, cache e frequenze, gli Xeon E5-2600 v2 si basano anche sulla microarchitettura Ivy Bridge. Quindi c'è una manciata di interventi che migliorano le prestazioni per ciclo di clock rispetto all'architettura Sandy Bridge. Infine, determinati modelli supportano memorie fino a DDR3-1866.

Intel Xeon E5-2609v2 Intel Xeon E5-2609v2
Gigabyte GA-Z97X-UD5H Gigabyte GA-Z97X-UD5H

Nessuno dei carichi di lavoro che abbiamo svolto aveva bisogno di così tanto bandwidth. I nostri test, però, non hanno avuto problemi a illustrare in che cosa lo Xeon E5-2687W v2 è migliore del suo predecessore. Le frequenze superiori in Turbo Boost fanno sì che il modello di seconda generazione vinca nei test single-thread. E così avviene con carichi più complessi. E indipendentemente dal benchmark, il consumo di energia è inferiore sul sistema con CPU basate Ivy Bridge-EP, nonostante il TDP costante di 150 W.

Sicuramente potete risparmiare un sacco di soldi e usare anche meno energia passando al Core i7-4960X. E in alcuni casi ha senso. Un crescente numero di applicazioni è stato ottimizzato per l'heterogeneous computing, così da sfruttare un processore grafico altamente parallelo per ottenere enormi miglioramenti prestazionali con compiti specifici. In quei software, puntare su una GPU più veloce garantisce miglioramenti di più grandi rispetto a una seconda CPU. Comunque sia, abbiamo visto diversi esempi di come due Xeon E5 riducano il tempo di elaborazione: dalla compilazione, ai carichi di lavoro OCR fino al rendering.

È da un paio di generazioni che non apprezziamo molto il lavoro del team desktop di Intel. Il passaggio da Sandy Bridge a Ivy Bridge è stato deludente per gli appassionati. Allo stesso modo, Haswell non ci ha dato molto per cui scaldarci, proponendoci gli stessi quattro core, gli stessi 8 MB di cache L3 condivisa, le medesime 16 linee PCIe e piccoli incrementi velocistici attribuibili a cambiamenti nell'architettura.

Nel mondo degli Xeon Intel ha preso il suo margine termico garantito dal miglior processo produttivo e lo ha usato, lasciando ai clienti scegliere se vogliono più core, frequenze superiori o semplicemente prestazioni simili con minori consumi. Questo è il tipo di innovazione che gli appassionati vorrebbero vedere sempre.