Tom's Hardware Italia
Computer Portatili

Notebook gaming Asus RoG, Core i9 al fresco con il metallo liquido

Per raffreddare i bollenti spiriti del Core i9 mobile di Intel con 8 core, Asus ha scelto di usare il metallo liquido al posto della pasta termica tradizionale sui portatili RoG.

Pare che Asus abbia trovato la soluzione per raffreddare i bollenti spiriti dei processori Intel Core i9 a bordo dei suoi laptop RoG: sostituire la pasta termica con un composto di metallo liquido. Analizziamo la problematica dal principio.

Sappiamo bene che al giorno d’oggi i produttori di notebook da gaming hanno ben pochi modi per distinguersi dalla massa.

La selezione dei componenti è dettata da quanto rendono disponibile Intel, Nvidia e AMD e gli schermi ad alta risoluzione / frequenza di aggiornamento provengono spesso dagli stessi produttori.

Si potrebbe dire che nei notebook di oggi c’è poco di unico, almeno a livello hardware di base. Il terreno su cui tutti i produttori combattono le loro battaglie è sul campo del design, soprattutto quando si parla di sistemi di raffreddamento.

Non è una sfida da poco: i progettisti devono stare attenti a trovare l’equilibrio tra la necessità di far rendere l’hardware al meglio e una rumorosità che non deve diventare eccessiva.

Poiché i portatili hanno dimensioni sempre più sottili e compatte, è evidente che raffreddare processori molto potenti in modo adeguato non è facile e talvolta s’incappa in errori.

Ricorderete il caso di Apple dello scorso anno, e più in particolare la linea MacBook Pro con processore Intel Core i9 di ottava generazione: la CPU andava in throttling termico, cioè rallentava la propria frequenza a causa dell’eccessiva temperatura, performando peggio di un Core i7 dell’anno precedente.

Sembra che Asus stia provando a risolvere il problema usando non una “comune pasta termica” bensì il metallo liquido su alcuni suoi laptop con i nuovi Intel Core i9 di nona generazione.

Secondo l’azienda questo all’apparenza piccolo ma importante cambiamento permette di ottenere temperature sotto carico fino a 13 °C più basse rispetto alle tradizionali paste termiche. A fornire il metallo liquido è la nota Thermal Grizzly.

Così, invece di modificare ulteriormente il sistema di raffreddamento del proprio G703GXR, Asus ha optato per aumentare la conducibilità termica tra il processore e la dissipazione, trasportando così più calore verso radiatori e ventole. Questo vale solo per le configurazioni Core i9 del portatile.

Il composto di metallo liquido di Thermal Grizzly deve essere applicato meticolosamente per ottenere i migliori risultati: Asus ha creato macchinari di precisione per applicare la giusta quantità di metallo liquido, ma non solo.

“Il blocco che si trova sulla CPU ha anche uno speciale recinto interno che impedisce al metallo liquido di fuoriuscire nel tempo”.

Grazie a questo nuovo sistema, Asus è ora in grado di realizzare sistemi con interfacce termiche in metallo liquido senza mettere in pericolo l’affidabilità dei propri sistemi. 

Se vi state chiedendo invece come cambiare la pasta termica del vostro microprocessore desktop e non v’interessa il metallo liquido, qui potete vedere come applicarla – non c’è un modo unico, ce ne sono diversi.

Vuoi applicare il metallo liquido sul tuo processore? Trovi la Thermal Grizzly Conductonaut a circa 15 euro. Ma attenzione all’applicazione, non è una “comune” pasta termica.