Computer Portatili

Raspberry Pi fa girare Quake 3 Arena a 100fps

All’inizio dell’anno, la Raspberry Pi Foundation ha cominciato a collaborare con Igalia per lo sviluppo di driver grafici Vulkan per Raspberry Pi. C’è qualcuno però che li ha battuti sul tempo, Martin Thomas, un ingegnere di Nvidia che, ieri, sul suo account Twitter, ha dato una dimostrazione dei suoi driver RPi-VK. Il talentuoso ingegnere ha lavorato sui codici nel suo tempo libero per più di due anni. Che professionista!

Tecnicamente la versione di Thomas non è ufficiale, perché non conforme agli standard stabiliti da The Khronos Group. Lo sviluppatore ha comunque prodotto stringhe di codice paragonabili a quanto richiesto dai parametri dell’API Vulkan. Detto questo, a differenza dei driver ufficiali che sono ancora in fase di sviluppo, la versione di Thomas è compatibile solo con la GPU Broadcom VideoCore IV presente nei dispositivi Raspberry Pi 1, 2, 3 e Zero.

Thomas ha dimostrato la qualità del proprio lavoro grazie alla riproduzione di Quake III Arena su un Raspberry Pi 3 Model B+. La GPU Broadcom VideoCore IV, con una frequenza massima di appena 250MHz, riesce a eseguire il vecchio sparatutto di Activision a oltre 100 FPS e a una risoluzione di 1280 x 720 pixel (HD). Thomas ritiene che il Raspberry Pi 3 Model B+ dovrebbe raggiungere i 70 FPS impostando la risoluzione a 1920 x 1080 pixel (Full HD).

Rispetto ai driver OpenGL, l’ingegnere afferma che i suoi driver RPi-VK offrono una migliore gestione della memoria e sono più efficienti in multithreading. I suddetti offrono anche il supporto per il MSAA (anti-aliasing multisample), la gestione delle ombre e una finestra per monitorare le prestazioni del dispositivo. Se siete interessati a testarli, li trovate in questa cartella su GitHub.

Raspberry Pi è un computer a scheda singola sviluppato dalla Raspberry Pi Foundation con lo scopo di promuovere l’istruzione informatica, senza dover spendere un capitale per le apparecchiature. Raspberry Pi 4 Model B costa infatti solo 64 euro, e può essere utilizzato come un tipico PC. Certo, ha dei limiti, ma il suo scopo non è fare 60fps nei videogame o eseguire complesse operazioni di rendering, ma promuovere la scolarizzazione a livello globale.

Detto questo, Raspberry Pi non è l’unico SBC (Single Board Computer) in circolazione, infatti un nuovo competitor si sta affacciando in questo mercato: ODROID-H2+.

Volete scoprire tutti i segreti del sistema operativo Linux? Vi consigliamo il libro Amministrare GNU/Linux (Amazon).