Storage

Prestazioni Intel SSD 660p 1TB

Pagina 2: Prestazioni Intel SSD 660p 1TB

Intel ha progettato il 660p per offrire le prestazioni di un veloce SSD NVMe ma con prezzi da SSD SATA. Abbiamo selezionato un SSD SATA popolare, il Crucial MX500, e alcune soluzioni NVMe per i nostri test. Abbiamo incluso anche l'Intel 600p con la memoria TLC a 32 layer di prima generazione. Intel ha dotato il 760p, che è il fratello con prestazioni più alte del 660p, con l'attuale generazione di 3D NAND TLC a 64 layer.

I nostri confronti non sarebbero completi senza inserire nel mix i Samsung 970 EVO e PRO. Entrambi usano controller e memoria proprietari dell'azienda sudcoreana. Il 970 EVO usa 3D TLC a 64 layer mentre il PRO usa MLC a 64 layer.

WD ha dotato il Black con memoria SanDisk 3D TLC a 64 layer. L'RD400 è l'unico SSD nel gruppo a non avere 3D NAND. Invece, si basa sulla vecchia NAND planare MLC a 15 nanometri. Il WD Black e il Toshiba OCZ RD400 hanno entrambi un controller proprietario.

PCMark 8 Storage Test 2.0

PCMark 8 è un benchmark basato su una traccia che sfrutta Microsoft Office, Adobe Creative Suite, World of Warcraft e Battlefield 3 per misurare le prestazioni di archiviazione in scenari reali.

test 01
test 02

L'Intel 660p insegue la serie Samsung 970 e l'RD400 con un punteggio totale di 5085 e un bandwidth medio di 574 MB/s. Sorprendentemente è appaiato al WD Black con punteggi e bandwidth quasi identici. Batte sia 660p che 760p, il che è un passo considerevole considerando che il 760p ha un livello di prezzo superiore.

Caricamento scena di gioco – Final Fantasy XIV

test 03

Il benchmark Final Fantasy XIV StormBlood è un test di gioco gratuito che confronta facilmente e in modo accurato i tempi di caricamento senza richiedere un cronometro.

L'Intel 660p è al livello del WD Black con un tempo di caricamento della scena totale di 21,38 secondi. Questa volta il 760p è leggermente davanti al 660p. un SDD è molto più veloce di un hard disk, ma la differenza tra i differenti modelli è minima.

DiskBench

Usiamo DiskBench per testare le prestazioni nel trasferimento di file con il nostro blocco di dati personalizzato da 50 GB. Il nostro insieme di dati include 31.227 file di vari tipi, come immagini, PDF e video. Copiamo i file verso una nuova cartella e poi seguitiamo con un test di lettura di un file da 6 GB di nuova scrittura.

test 04
test 05
test 06

Il 660p raggiunge la buona velocità media di 291 MB/s durante il trasferimento dei file. È veloce quasi quanto l'RD400 e supera facilmente Intel 760p, 600p e Crucial MX500. Le prestazioni nella copia del 660p sono impressionanti, ma la velocità in lettura di 1,2 GB/s è minore rispetto al resto degli SSD NVMe nel nostro gruppo di test.

SYSmark 2014 SE

Come PCMark, SYSmark usa software reali per misurare le prestazioni di un sistema, ma si spinge leggermente oltre. Usa quattordici software differenti per far girare carichi reali con insiemi di dati reali per misurare come le prestazioni generali del sistema impattino sull'esperienza utente.

SYSmark 2014 SE di BAPCo installa una suite completa di software per questo test, che include Microsoft Office, Google Chrome, Corel WinZip, diversi software Adobe e GIMP. Questo lo rende un grande test anche per misurare la quantità di tempo che impiega a installare software diffusi dopo l'installazione da zero del sistema operativo.

test 07
test 08

Installare SYSmark si è dimostrata una sfida per gli SSD Intel. Il software si è installato più rapidamente sui gli SSD concorrenti, incluso l'SSD SATA Crucial MX500. Dopo l'installazione il 660p ha ottenuto un punteggio di reattività di 1692. È a 7 punti dall'RD400 e 2 punti sopra il WD Black.

ATTO

ATTO è un semplice test gratuito che i produttori di SSD usano comunemente per stabilire le prestazioni sequenziali dei loro prodotti. Ci permette anche di vedere come il dispositivo gestisce differenti dimensioni di file.

test 09
test 10

L'Intel SSD 660p offre prestazioni in lettura di piccoli file superiori al 600p fino a quanto il test raggiunge la dimensione di file di 512 KB. Supera il 600p e il 760p durante i carichi di scrittura.

Anvil Storage Utility

Anvil Storage Utility è un benchmark che semplifica il complesso test IOmeter e il suo motore Dynamo con un un'interfaccia user-friendly.

test 11
test 12
test 13

Il punteggio complessivo del 660p è superiore a quello dell'MX500 e del 600p. L'unità è tuttavia dietro le soluzioni Samsung, WD e Toshiba a causa delle minori prestazioni in lettura e scrittura.

CrystalDiskMark è semplice e facile da usare. I risultati in lettura e scrittura del 660p rispettano le specifiche di 1,8 GB/s in lettura e scrittura del produttore. L'unità mostrare prestazioni in lettura casuale impressionanti e buone prestazioni in scrittura casuale. Supera persino il Samsung 970 durante i test con carichi di lettura e scrittura casuale 4KB a QD1.

Consumi

Usiamo il Quarch XLC Programmable Power Module per avere una maggiore comprensione dei profili di consumo. Il consumo in idle è un aspetto molto importante da considerare, specie se state cercando un nuovo SSD per il vostro portatile. Alcuni SSD possono consumare watt di energia in idle, mentre quelli più adatti pochi milliwatt. Il consumo con carico medio e massimo sono altri due aspetti importanti. Forse pensate che un minore consumo sia meglio rispetto ad alti valori di picco, ma le prestazioni per watt sono più importanti. Un'unità potrebbe consumare di più durante un determinato carico, ma svolgere un'operazione più rapidamente permette all'unità di entrare in stato idle anzitempo, cosa che alla fine consente di risparmiare energia.

test 22
test 23
test 24
test 25
test 26

L'Intel SSD 660p è uno degli SSD più efficienti nel nostro gruppo di prova. Il 660p ha consumato appena 2,31 watt di energia durante il trasferimento file di 50 GB. Ciò equivale a 126 MB/s di throughput per watt. Intel mantiene sotto controllo anche il consumo massimo: l'unità ha raggiunto un picco di appena 4 watt durante il test. Le unità più affamate di energia hanno richiesto oltre 7 watt durante l'uso di picco.

Un rapido sguardo ai consumi indica che i produttori stanno ancora lavorando all'ottimizzazione dei consumi che riguarda l'interfaccia PCIe. Intel e Samsung sembrano avere un grande controllo, ma WD e Toshiba hanno molto spazio per migliorare. Il 660p in idle è sotto 700 mW di energia senza usare ASPM, ma una volta abilitato, il consumo migliora a soli 33 mW. Questo rende il 600p l'unità NVMe più efficiente dal punto di vista energetico testata sinora.