Storage

Prestazioni sequenziali e casuali

Pagina 3: Prestazioni sequenziali e casuali

Prodotti a confronto

Creare una lista di prodotti da confrontare con il Sonix non è stato difficile: solo Intel e Samsung hanno SSD da 512 GB con supporto NVMe. Il protocollo NVMe riduce la latenza nello stack software, migliorando il throghput I/O di piccoli blocchi di dati tagliando l'overhead. Per illustrare le differenze in modo più chiaro, includiamo anche un SSD Kingston Predator da 480 GB che usa il protocollo AHCI.

Lettura sequenziale

image001 r 600x450
image002 r 600x450
Clicca per ingrandire

I nostri primi test sintetici mostrano il Sonix sotto l'influenza di dati comprimibili e non. La maggior parte degli appassionati farà attenzione alle prestazioni con code profonde uno o due comandi. I cosiddetti power user eseguono software professionale per spingersi oltre. Tuttavia, qualsiasi cosa superiore a una queue depth di otto rappresenta un tipo di carico che si trova esclusivamente negli ambienti enterprise.

Il Sonix da 480 GB di Zotac, almeno nello stato attuale, fatica con una queue depth di uno rispetto agli SSD concorrenti già disponibili. Sposta comunque in modo sequenziale blocchi da 128 KB in modo più rapido rispetto a quanto possibile con un SSD SATA. E il Sonix scala bene con l'aumentare dell'intensità del carico di lavoro. A queue depth elevate si comporta allo stesso modo dei migliori SSD desktop NVMe venduti oggi.

Scrittura sequenziale

Nel nostro test in scrittura sequenziale il Sonix non raggiunge le prestazioni indicate da Zotac. Ce lo aspettavamo; è un problema già visto con altri SSD NVMe.

image003 r 600x450
image004 r 600x450
Clicca per ingrandire

Per dare un po' di contesto, AHCI opera con un comando alla volta, ma può metterne in coda fino a 32. NVMe può operare con un massimo di 65.535 comandi simultaneamente, e ognuno di questi comandi può metterne in coda altri 65536. Il software esistente non arriva nemmeno vicino a sfruttare queste funzionalità avanzate. Anche se possiamo certamente fare test sotto condizioni più favorevoli all'NVMe per farlo un migliore risultato, in realtà non vedrete sfruttato il potenziale dell'interfaccia per anni. Perciò abbiamo registrato prestazioni in scrittura sequenziale modeste con una queue depth di uno e due. Con una queue depth di quattro il Sonix ha raggiunto le migliori prestazioni usando i nostri metodi di test e livellandosi al resto della gamma.

Lettura casuale

image005 r 600x450
image006 r 600x450
image007 r 600x450
Clicca per ingrandire

Il Sonix raggiunge poco più di 10.000 IOPS in lettura casuale con una queue depth di uno, ma presenta le prestazioni più basse del gruppo con queue depth ridotte. Al contrario, all'altro capo della classifica, il Sonix offre un throughput I/O casuale migliore rispetto alla concorrenza. Avete uno scaling eccezionale fino a una queue depth di 128.

Dati questi numeri Phison probabilmente sta lavorando sodo per migliorare le prestazioni a basse queue depth prima di distribuire il firmware finale ai propri partner. La stabilità, quasi sicuramente, è l'aspetto che ha guadagnato la priorità, ma ora è tempo di ottenere più velocità e funzioni aggiuntive dalla piattaforma. La prossima versione dovrebbe includere lo stato energetico L1.2 e non saremmo sorpresi di vedere ottimizzazioni che migliorano alcuni di questi punti deboli.

Scrittura casuale

image008 r 600x450
image009 r 600x450
image010 r 600x450
Clicca per ingrandire

Questo è l'unico altro test oltre ad Anvil dove abbiamo osservato una differenza prestazionale tra dati comprimibili e non ha coinvolto piccoli blocchi di dati scrittura in modo casuale. Come abbiamo visto il Sonix fatica a basse queue depth rispetto al 950 Pro e all'SM951-NVMe. Questi due prodotti non scalano bene oltre una queue depth di due però, e raggiungono il tetto a 100.000 IOPS. Nel frattempo il prodotto di Zotac continua a scalare bene, superando un picco di 250.000 IOPS.