Tom's Hardware Italia
Android

Android, utenti tracciati anche con la localizzazione spenta

Un nuovo report realizzato da Quartz ha evidenziato come Android sfrutti un metodo per tracciare il posizionamento degli utenti anche con i servizi di localizzazione disabilitati. Google ha confermato, spiegando come la pratica sia relativa alla gestione delle notifiche push e dei messaggi.

Android traccia il posizionamento degli utenti anche se questi disattivano i servizi di localizzazione. È quanto emerge da un report realizzato da Quartz, sul quale è anche arrivata la conferma ufficiale da parte di Google. L'azienda di Mountain View ha spiegato le motivazioni di questo comportamento da parte del sistema operativo, annunciando di essere già a lavoro per sospendere questa pratica.

Scendendo nel dettaglio, smartphone e tablet Android, nel momento in cui si connettono ad internet, inviano i dati sulla posizione a Google, sfruttando gli indirizzi dei ripetitori vicini a loro. La questione ruota attorno al fatto che questo invio di informazioni avviene anche con i servizi di localizzazione disabilitati, ed anche senza SIM inserita (in questo caso viene ovviamente utilizzata la rete Wi-Fi).

screen shot 2017 11 20 at 10 08 40 pm

Google è stata contattata via mail da Quartz, confermando questa pratica. L'azienda di Mountain View ha spiegato come le informazioni raccolte negli ultimi 11 mesi siano state utilizzate per la gestione delle notifiche push e dei messaggi. Big G ha dunque assicurato di non averle utilizzate per fini pubblicitari e, soprattutto, di non averle memorizzate sui propri server.

Leggi anche: Sicurezza Android, a rischio gli screenshot

In tal senso, è bene ricordare quanto previsto dall'azienda di Mountain View nella propria policy legata alla privacy: "Quando usi i servizi di Google, noi potremmo raccogliere e processare informazioni riguardo la tua localizzazione. Usiamo diverse tecnologie per determinarla, incluso l'indirizzo IP, il Gps e altri sensori che potrebbero, ad esempio, fornire a Google dati sui dispositivi vicini a te, wifi e ripetitori". 

androidmaps

Al di là di questo comunque, Google si è impegnata a garantire un maggior livello di privacy per i propri utenti, disabilitando la memorizzazione delle celle entro fine novembre. Si tratta dunque di una gestione delle notifiche push e dei messaggi che verrà presto gestita da Android in maniera differente. 

Leggi anche: DoubleLocker, l'evoluzione del ransomware su Android

Nonostante l'immediata presa di posizione da parte di Google, la pratica ha sollevato accesi dibattiti. Nel proprio report, Quartz ha fatto notare come le informazioni raccolte, ipoteticamente, possano essere state sfruttate dai pubblicitari per targhettizare gli utenti, ricavandone dunque un certo ritorno economico. 

210821943 LocationBasedServicesAndroidLower IT

Staremo comunque a vedere quelle che saranno le mosse di Google nelle prossime settimane per porre fine a questa pratica. La sensazione comunque è che la questione sia stata in parte ingigantita, anche perchè il report di Quartz fa riferimento agli Stati Uniti, per cui, nel nostro caso, non abbiamo dati precisi in merito all'Italia. In ogni caso, la palla passa a Big G.