Apple

Storia dell’iPhone: l’iPhone 5C era tutto colorato

Pagina 1: Storia dell’iPhone: l’iPhone 5C era tutto colorato

L'invito per l'evento iPhone del 2013 riprendeva un video animato che Tim Cook aveva mostrato alla precedente WWDC, e che cercava di rappresentare i principi e i valori fondanti di Apple, e ciò su cui volevano mettere la firma. Ma a differenza del video, che era in bianco e nero, gli inviti erano ricchi di colori molto vividi.

iphone 5c green ios 7 hero

Il 10 settembre 2013 Tim Cook salì sul palco e annunciò che, a differenza degli anni precedenti, Apple non avrebbe ridotto il prezzo del modello uscito l'anno precedente, l'iPhone 5 – posizionandolo come offerta meno costosa del catalogo. Quell'anno ci sarebbe stato qualcosa di nuovo, divertente e colorato. Era l'iPhone 5c.

 

"L'iPhone 5c è tutto ciò che era l'iPhone 5 e molto di più, in un design del tutto nuovo con nuove funzioni. L'iPhone 5c è progettato con un meraviglioso case di policarbonato che risulta molto solido tra le mani".

Tanti colori per tutti

L'iPhone 5c, nome in codice N48 e model number iPhone 5,3, rappresenta l'unica occasione finora in cui Apple non ha ribassato il prezzo del modello precedente. Invece lo riprogettarono in una nuova forma. Aveva lo stesso schermo 1136×640 con tecnologia in-cell, ma invece dello chassis in alluminio ne aveva uno in policarbonato. Un cambiamento che costò qualcosa ad Apple in termini di dimensioni, qualche millimetro in più, ma l'azienda risparmiò perché la plastica costava meno dell'alluminio. Inoltre, come già con l'iPod in precedenza, questa scelta permetteva ad Apple di usare il colore come elemento differenziante: l'iPhone 5 era disponibile in verde, blu, giallo, rosa e bianco.

Apple aveva già usato il policarbonato con l'iPhone 3G e l'iPhone 3GS, ma per l'iPhone 5c scelsero di usare un telaio in metallo che conferiva una maggiore solidità. L'azienda diceva che era plastica di grande qualità, e in effetti era l'impressione che dava.

All'interno dell'iPhone 5c c'era lo stesso SoC Apple A6 già visto sull'iPhone 5, e praticamente tutti i componenti interni erano identici. Il processore Swift a 1,3 GHz basato su ARMv7, la GPU PowerVR SGX543MP3, 1 GB di RAM, la fotocamera da 8 MP con BSI, un filtro IR ibrido, lente a 5 elementi, Bluetooth 4.0 e così via.

C'erano anche alcune piccole differenze, a parte quella ovvia dello chassis in policarbonato. Mancava per esempio una versione da 64 GB, coerentemente con l'idea di un prodotto economico (per Apple). La capacità della batteria era stata aumentata a 1.510 mAh con un conseguente aumento (leggero) dell'autonomia. La fotocamera frontale aveva pixel più grandi, da 1,9 micron, e guadagnava la retroilluminazione BSI. Il modulo radio LTE 4G era stato migliorato, ed era compatibile con 13 bande.

Il prezzo era leggermente minore e rifletteva la nuova posizione.