PlayStation 4

Bloodborne: tutto quello che dovete sapere

Pagina 1: Bloodborne: tutto quello che dovete sapere

bloodborne 01

Introduzione

La desolata città di Yharnam ospita costruzioni gotiche, infetti impazziti a causa di una misteriosa malattia, mostri demoniaci e soltanto una persona in grado di portare la pace: voi. In Bloodborne, l'ultimo gioco di From Software, vestite i panni di un cacciatore di demoni e avete la missione di combattere gli orrori e svelare i misteri di una città ispirata alla Londra Vittoriana.

Per chi non fosse al corrente, Bloodborne è un gioco di ruolo d'azione e una delle esclusive più attese su PlayStation. Il nome potrebbe non dirvi granché, ma si può considerare come il quarto gioco della saga "Souls", dopo Demon's Souls, Dark Souls e Dark Souls II. Questa serie è riuscita a ritagliarsi un posto d'onore nel cuore degli appassionati grazie alla brutale difficoltà, a mondi inquietanti e combattimenti impegnativi.

Bloodborne può sembrare intimidatorio, ma non temete, è una scelta di design. Come i titoli precedenti della serie Souls, è in grado di offrire un'esperienza gratificante per chi è abbastanza impavido da raggiungere la fine. Se questo è il vostro primo timido tentativo di affacciarsi alla serie, o se avete bisogno di darvi una rinfrescata di memoria dopo Dark Souls II, Tom's Hardware ha le risposte alle domande giuste da farsi prima di cominciare a giocare.

bloodborne 02

Cos'è Bloodborne?

Bloodborne è un gioco di ruolo d'azione per PS4 sviluppato da From Software. In questo titolo potete creare il vostro personale cacciatore di demoni e partire nella vostra missione a Yharnam, una città in cui gli abitanti sono destinati a diventare bestie letali. Nel corso dei vostri progressi raccoglierete armi e armature deliziosamente sinistre, così come l'eco del sangue (le anime degli altri giochi della saga). L'eco del sangue può essere usato per migliorare le statistiche del personaggio, per comprare oggetti utili e upgrade dell'equipaggiamento.

Il gioco è disponibile a partire dal 25 marzo 2015 e costa circa 60 euro.

bloodborne 03

Cosa differenzia Bloodborne rispetto agli altri GDR d'azione?

Se avete giocato a Demon's Souls, Dark Souls o Dark Souls 2 saprete già dare una risposta a questa domanda. Se invece non ci avete giocato sappiate che la differenza fra Bloodborne e gli altri titoli di questo genere risiede nella difficoltà. Laddove la maggior parte dei GDR offre varie sfide nel percorso che porta alla fine dell'avventura, nella saga Souls è il gioco stesso a essere la sfida.

A livello generale si può dire che la storia è minimalista e il giocatore non ha indizi espliciti su dove andare, cosa fare o quali oggetti sarebbe meglio usare. Ci sono molti sentieri nascosti da esplorare e obbiettivi opzionali da completare, che possono rendere possibili anche le sfide impossibili. La maggior parte dei nemici vi può uccidere con pochi colpi, mentre ai boss ne bastano addirittura uno o due.

Se il quadro dipinto finora vi sembra sconcertante, sappiate che il gioco è in grado di ripagarvi con un'estrema precisione. Bloodborne, come gli altri giochi della saga Souls, vi dà completo controllo su equipaggiamento, statistiche, stile di combattimento e sul modo scelto per proseguire nell'avventura. Dopo aver regolato con precisione lo stile di gioco che fa per voi, scoprirete velocemente che anche se morirete – e morirete spesso – nulla nel gioco è potente, tenace e ostinato quanto vuoi.

Bloodborne (e la serire Souls in generale) è inoltre molto più dark e minimalista rispetto alla maggior parte dei giochi di ruolo, e include molti elementi dei titoli horror. Visto che la morte si aggira dietro ogni angolo, ogni livello è capace d'inculcarvi un tangibile senso di pericolosità. I grotteschi nemici dai corpi mostruosi sono presenti in abbondanza, e perfino i fantastici ambienti, come i castelli torreggianti e i campi di fiori, tendono a evocare angoscia e malinconia, e non sollievo.

bloodborne 04

Ho bisogno di giocare Demon's Souls, Dark Souls e Dark Souls II per godermi Bloodborne?

No. Nonostante io abbia giocato a tutti e tre i giochi sopra citati perché li reputo fantastici, ognuno di loro è un'esperienza a sé stante, e Bloodborne non fa eccezione. Ogni gioco della serie Souls è ambientato in luoghi diversi, può contare su un cast di personaggi differenti e su sfide, equipaggiamenti e nemici diversi, seppur sempre grotteschi. Le storie non sono collegate l'una all'altra, eccetto per vaghe e incerte allusioni. Esiste un filo narrativo capace di legare almeno due di questi giochi, ma è estremamente incosistente, e non ha un impatto diretto su ognuna delle storie.

Visto che non avete bisogno di capire la narrazione dei titoli della serie Souls per giocare a Bloodborne, il vantaggio più grosso nell'aver giocato ai tre titoli precedenti risiede nel fatto che sarete pronti a gestire il suo peculiare gameplay impegnativo. Nonostante le sfide di ogni gioco siano uniche e diverse, è facile che le vostre abilità migliorino col tempo e rimangano con voi nel passaggio da un gioco all'altro.