Tom's Hardware Italia
Giochi PC

Dr Disrespect su Mixer? Solo se venisse pagato più di Ninja

Dr Disrespect potrebbe raggiungere Ninja su Mixer? Sì, ma solo se venisse pagato al pari, se non di più, del suo collega: ecco la sua dichiarazione.

Recentemente il mondo dello streaming è stato scosso dalla notizia che Ninja, nome d’arte di Tyler Blevins, si è spostato da Twitch a Mixer, la piattaforma di streaming di Microsoft. Ninja ha quindi “abbandonato” i 14 milioni di follower della piattaforma di Amazon, pronto a ricominciare su un nuovo lido: molti iscritti lo hanno già seguito (ha superato rapidamente il mezzo milione di follower su Mixer) ma non è detto che riuscirà a ricreare una community pari alla precedente in poco tempo. È ovvio che una scelta di questo tipo è stata dettata dall’enorme cifra messa in campo dalla casa di Redmond: 50 milioni di dollari, secondo quanto riportato da The Verge. Possibile che anche altri siano disposti a fare lo stesso? La risposta è sì e uno di essi è Dr Disrespect.

Il Dottore è un volto (baffuto) molto noto su Twitch, sopratutto per il suo stile sopra le righe. In un recente livestream, che potete trovare qui sotto, ha affermato che “Parlando a livello puramente teorico, la cifra dovrebbe essere fuori di testa. Parlo di… non so quanto abbia preso Ninja, ma dovrebbe essere al suo livello se non superiore.” Ha poi aggiunto: “Dovrebbe essere così: a livello economico avrebbe senso per ciò che abbiamo pianificato.

Chiaramente si tratta di un’esagerazione tipica di Dr Disrespect. Lo streamer, per quanto famoso, può contare su meno di quattro milioni di follower, cifra ben lontana da quanto ottenuto da Ninja. Su base quotidiana si muove tra i 10.000 e i 40.000 spettatori, a seconda di quello che sta giocando. Si tratta di certo di un nome importante, ma pare altamente improbabile che Microsoft possa sborsare una cifra superiore a quella investita per Ninja.

In ogni caso, tutto può accadere e la casa di Redmond potrebbe essere solo all’inizio della propria “campagna acquisti” per rendere Mixer una piattaforma di riferimento all’interno dell’ambiente videoludico. Voi cosa ne pensate? Credete che Microsoft voglia portare nella propria “scuderia” altri streamer?