Nintendo Switch

Joy-Con alternativi | I migliori del 2021

Avete deciso di acquistare Nintendo Switch negli ultimi tempi e vi state guardando attorno alla ricerca di joy-con alternativi? In questo caso, sappiate come prima cosa che non dovete per forza scegliere un dispositivo prodotto da Nintendo, anche considerato che la casa di Kyoto, nei quattro anni del ciclo vitale di Switch, ha finora prodotto sostanzialmente un unico modello di joy-con, variando soltanto i colori e i motivi (sul mercato ce ne sono un’infinità). Optare per un joy-con alternativo può essere una buona idea nel caso in cui si voglia avere accesso a funzionalità differenti da quelle dei mini-controller tradizionali, magari con qualche caratteristica ergonomica o funzionale non disponibile sui modelli base, o semplicemente per risparmiare qualcosa al momento dell’acquisto. In questo caso, l’unica soluzione è fare affidamento sul mercato delle terze parti, e qui le possibilità di scelta sono un bel po’!

Tra i joy-con customizzati da questa o quell’azienda, infatti, potreste davvero trovare qualcosa che vi può essere utile come e più dei joy-con base, in termini di funzionalità, di ergonomia e comodità o anche se state cercando compatibilità specifiche con determinati videogiochi. Nell’elenco che segue, per questi motivi, troverete soluzioni piuttosto variegate: ogni prodotto in lista, come si può facilmente intuire, ha una propria identità e diverse peculiarità che lo differenziano rispetto a tutti gli altri. Prima di cominciare, qualora foste interessati ad altre guide a tema Switch, vi segnaliamo quella sulle migliori custodie, quella sui migliori accessori e quella sulle migliori cover e skin.

Joy-Con alternativi, i migliori

Joy-con alternativi Switch

Hori Split Pad Pro

Joy-con alternativi Switch

Il primo controller che vi proponiamo (in realtà una coppia) è l’Hori Split Pad Pro, una soluzione perfetta per risolvere la gran parte dei problemi di chi ama giocare spesso in modalità handheld. Si tratta di una coppia di controller specificatamente pensati per funzionare in questo modo, che rinunciano a svariate funzioni (per esempio, non possono essere utilizzati tramite tecnologia Bluetooth, staccati dalla console) per ottimizzarne altre: utilizzandoli potrete immediatamente percepire la differenza con i joy-con originali in termini di comodità. Da quel punto di vista sono un prodotto unico, o quasi, dal momento che esistono ben poche alternative altrettanto valide sul mercato.

Si tratta, nel complesso, di uno fra i migliori joy-con alternativi in commercio, dispositivo perfetto per essere affiancato a quelli standard, che, pur essendo più versatili, non riescono a eccellere sotto un aspetto in particolare come invece fa lo Split Pad Pro. Da menzionare, tra l’altro, la presenza di due pulsanti posteriori programmabili e di una funzione turbo su entrambi i lati. Positivo è anche il fatto che i due “mega controlleroni” di Hori si adattino senza problemi alla forma del dock di Switch, cosa che permette di inserire la console nella sua base per ricaricarla senza doverli necessariamente staccare. L’Hori Split Pad Pro è disponibile in tante colorazioni e varianti differenti, alcune delle quali brandizzate a tema Pokémon o Monster Hunter come quello visibile nell’immagine di fianco.

» Clicca qui per acquistare Hori Split Pad Pro Classico Nero
» Clicca qui per acquistare Hori Split Pad Pro di Monster Hunter Rise
» Clicca qui per acquistare Hori Split Pad Pro di Pikachu e Eevee
» Clicca qui per acquistare Hori Split Pad Pro di Daemon X Machina
» Clicca qui per acquistare Hori Split Pad Pro di Pac-Man


Hori joy-con con D-Pad

Joy-con alternativi Switch

Anche in questo caso parliamo di un prodotto di Hori, ovvero i joy-con alternativi realizzati dalla nota azienda produttrice di accessori per Switch. Anche questi, come lo Split Pad Pro, sono provvisti di licenza ufficiale da parte di Nintendo. La più grande differenza che contraddistingue i joy-con con D-Pad di Hori rispetto a quelli originali della casa di Kyoto sta nel D-Pad, che in questo caso è composto da una vera e propria croce direzionale invece di essere diviso in quattro pulsanti indipendenti. La sua presenza si traduce in un bel vantaggio per tutti gli appassionati di determinati generi di videogiochi, e in generale per tutte quelle persone che non sono necessariamente interessate a usare il joy-con sinistro come controller singolo, preferendo al contrario una migliore esperienza in modalità portatile.

I Joy-Con con D-Pad non dispongono di alcune funzioni avanzate come la connettività bluetooth, la vibrazione e l’accelerometro, ma hanno dalla loro il vantaggio di essere parecchio economici, costando circa la metà delle loro controparti ufficiali. Potete trovarli in diverse edizioni personalizzate dedicate a Mario, a Pikachu e a The Legend of Zelda.

» Clicca qui per acquistare Hori Joy-Con con D-Pad di Super Mario
» Clicca qui per acquistare Hori Joy-Con con D-Pad di Pikachu
» Clicca qui per acquistare Hori Joy-Con con D-Pad di Zelda


Controller Joy-Con Wireless ergonomici

Joy-con alternativi Switch

Questa tipologia di joy-con sono fra i più popolari tra quelli personalizzati: venduti sotto diverse etichette a più riprese nel corso del tempo, si tratta concettualmente quasi sempre dello stesso prodotto, che può variare nelle colorazioni e in qualche funzionalità secondaria. Ciò che rende maggiormente apprezzati questi joy-con alternativi è la loro capacità di unire portabilità e comodità: le dimensioni, infatti, sono piuttosto contenute (soprattutto in larghezza), ma l’ergonomia, grazie alla bombatura laterale e posteriore (che fa “sporgere” questi joy-con dal retro della console) è di primo livello.

Per quanto riguarda il comparto funzionalità, si tratta di dispositivi quasi “premium” come dotazione, grazie alla funzione turbo e alla presenza della vibrazione, del giroscopio e della connettività wireless. Presente (piccola “chicca”) anche uno slot per cartucce di Nintendo Switch, posto intelligentemente sulla parte frontale della guida per tenere uniti i due controller. Rispetto ai joy-con tradizionali mancano solo HD Rumble e NFC, ma al vantaggio di un costo davvero contenuto: tra i 30 e i 40 euro a coppia.

» Clicca qui per acquistare Controller Wireless Joy-Con ergonomico Maleelai
» Clicca qui per acquistare Controller Wireless Joy-Con ergonomico Rrunzfon


eXtremeRate Cover Joy-Con

Joy-con alternativi Switch

E se vi dicessimo che con un po’ di impegno e gli attrezzi giusti potreste trasformare i joy-con che già avete in casa, rendendoli del colore che più vi pare e piace? E non stiamo parlando di semplici skin da appiccicarci sopra, ma di un vero e proprio kit che consente di sostituire interamente le plastiche esterne dei piccoli controller di Nintendo. Le soluzioni proposte in tal senso sono tantissime, e quelle di eXtremeRate sono indubbiamente fra le più variegate. Nella scelta avrete letteralmente di che sbizzarrirvi, con decine di possibilità differenti. In questo caso si tratta di modifiche che alla fine della fiera sono perlopiù estetiche (anche se esistono anche dei set con D-Pad incluso), ma che hanno alla base un ulteriore lato positivo: imparando a disassemblare i vostri joy-con, infatti, potreste anche mettervi al riparo da eventuali problemi di drifting, che da sempre affliggono i piccoli controller di Nintendo, sostituendo per conto vostro le levette analogiche!

Disclaimer importante, ma se avete letto fin qui l’avrete già capito: questi kit NON includono i joy-con, ma vi permettono di personalizzare i vostri!

» Clicca qui per acquistare eXtremeRate Cover Joy-Con Set a colori o trasparente (disponibile anche con D-Pad)
» Clicca qui per acquistare eXtremeRate Cover Joy-Con Set con motivi NES, SNES, onde, legno, ecc. (disponibile anche con D-Pad)
» Clicca qui per acquistare eXtremeRate Cover Set tasti cromati (disponibili anche con D-Pad)


Come scegliere i migliori Joy-Con alternativi per Nintendo Switch

Sono molteplici i motivi per cui una persona potrebbe cercare alternative ai tradizionali Joy-Con di Nintendo Switch. I Joy-Con sono stati ideati da Nintendo per essere il più maneggevoli possibile in ogni modalità di fruizione della console, senza sacrificare le innovazioni introdotte dal telecomando della passata Nintendo Wii: in modalità fissa questi controller si possono staccare e usare separatamente o unire in un dock portatile per formare una sorta di gamepad; in modalità portatile invece possono essere tenuti attaccati allo schermo per fruire della console ibrida come se fosse una sorta di piccolo tablet.

Il costo, la forma o più semplicemente l’estetica dei tradizionali Joy-Con possono essere un ostacolo per le mani o le tasche dei videogiocatori. Ecco perché alcune aziende, rinomate o meno, sono venute in soccorso a queste esigenze presentando sul mercato delle valide alternative ai tradizionali Joy-Con per Nintendo Switch. Analizziamo nel dettaglio i principali elementi che potrebbero rappresentare un motivo valido per preferire un tipo di Joy-Con alternativo all’altro: disposizione dei tasti, ergonomia e funzionalità aggiuntive.

Disposizione dei tasti

Per riuscire nel suo intento di creare piccoli controller maneggevoli in grado di essere fruibili anche in portabilità, Nintendo ha cercato di concentrare tutti i tasti nel poco spazio disponibile finendo per rendere ostica la maneggevolezza dei controller per chi ha mani più grandi o semplicemente dita più lunghe, come il sottoscritto che vi sta scrivendo questa guida! Ecco perché alcune aziende come Hori hanno inventato i comodissimi Split Pad, utili per giocare in modalità portatile, con più spazio tra i tasti, o perché aziende meno famose hanno pensato a controller ergonomici che offrono una buona comodità anche con una distribuzione più omogenea dei tasti sulla scocca.

Altra questione riguardo i tasti riguarda quella del D-Pad, una conformazione dei pulsanti direzionali che per alcuni tipi di videogiocatori è più preferibile della tradizionale croce direzionale. In loro soccorso arriva la stessa Hori, ma attenzione anche alle soluzioni di eXtremerate che, pur coinvolgendo cacciaviti e cover alternative, consentono l’applicazione di comodi D-Pad.

Ergonomia

Sempre rimanendo in campo comodità, se da un lato i Joy-Con mantenuti separatamente dalla console sembrano un’estensione del proprio braccio, dall’altro lato in modalità portatile, soprattutto per chi ha mani grandi, possono risultare scomodi dopo diverse ore di gioco. Se siete soggetti a dolori e crampi alle dita dopo una bella sessione di gameplay in modalità portatile, la migliore soluzione è sicuramente lo Split-Pad di Hori: un gamepad tradizionale che è esattamente diviso a metà, in modo da adattarsi allo schermo portatile. L’unica pecca di questa alternativa è che non è fruibile al di fuori della portabilità.

Altre valide alternative sono tutte quelle soluzioni ergonomiche che tornano a riempire ciclicamente gli store online, anche se offrono solo alcune delle tante funzionalità disponibili dei Joy-Con. In genere questi emuli dei Joy-Con hanno impugnature rinforzate e forme più adattabili a una maneggevolezza rilassata. In ogni caso, potreste portare a casa a un prezzo minore dei controller pienamente funzionanti fruibili in tutte le modalità di Nintendo Switch: portatile, fissa e tabletop.

Funzionalità aggiuntive

Alcuni dei prodotti che vi abbiamo proposto in questa guida ai migliori Joy-Con alternativi offrono funzionalità in più: gli stessi Split-Pad di Hori, per esempio, installano dei pulsanti in più sul retro dei controller che consentono di applicare modalità turbo e macro, in modo da rendere più agevoli azioni che risulterebbero ripetitive. Altri prodotti, come quelli raggruppati nella categoria “controller ergonomici“, hanno funzioni che possono variare da prodotto a prodotto come vibrazioni migliorate e supporti in plastica per agevolare l’impugnatura dei controller quando adattati a mo’ di gamepad.