Tom's Hardware Italia
Giochi PC

La spada e lo scudo

Pagina 3: La spada e lo scudo
Kingdom Come: Deliverance è un RPG a tema medievale dalla ricercatezza storica impareggiabile.

Kingdom Come: Deliverance non è sicuramente l'RPG che farà felice chi ama assegnare punti e scegliere abilità dai menù. Scordatevi un sistema di potenziamento come quello di The Witcher 3, in Kingdom Come il realismo è parte dominante anche – e soprattutto – del sistema di combattimento, delle abilità e degli equipaggiamenti.

Ogni arma ha un suo peso, pregi e difetti, e un metodo d'uso. Scegliere di combattere con un'arma a due mani è molto diverso dall'imbracciare mazza e scudo, per non parlare del tiro con l'arco: senza molta pratica sarà possibile sbagliare anche il tiro apparentemente più semplice.

Kingdom COme Deliverance C

Andiamo però con ordine, partendo dagli equipaggiamenti: il funzionamento delle armature incide sia sull'agilità del personaggio che sulla sua resistenza ai colpi. Un'armatura che protegge le spalle alla perfezione non vi darà alcun vantaggio se i nemici punteranno al  basso ventre, e indossare un'armatura a placche sopra a una camicia di lino non è certo la mossa più furba per difendersi dagli attacchi nemici. Se i cavalieri nel medioevo vestivano a strati, un motivo c'era, e quel motivo è ben saldo nella filosofia di Kingdom Come. Non sempre un'armatura pesante è la scelta più adatta al giocatore, che può anche decidere di utilizzare qualcosa di più leggero, ma che offra maggiore copertura.

cattivone
Imparerete molto presto a odiare quest'uomo.

Le armi funzionano con lo stesso realismo delle armature: attaccare un nemico corazzato con una spada, solitamente, è un metodo efficace per farsi ammazzare. Di contro mazze ed asce hanno sì meno combo, ma sono molto più funzionali per sfondare anche il più bardato dei nemici. Il sistema di combattimento si basa sulla possibilità di portare gli attacchi da 6 direzioni diverse (affondo incluso) cercando di mantenere un ritmo nelle proprie azioni: è possibile concatenare gli attacchi, eseguire finte per cercare di trarre il nemico in inganno o incalzare l'avversario con una serie di colpi rapidi volti a portarlo allo stremo delle forze. Di contro la nostra tattica può anche essere quella di cercare una schivata o un blocco, che se eseguito con perfetto tempismo ci darà una finestra d'opportunità molto ampia per sferrare un contrattacco letale.

Il combattimento di Kingdom Come non è assolutamente per tutti, e risulta inizialmente molto macchinoso e faticoso da assimilare, ma una volta preso il ritmo riesce a regalare incredibili soddisfazioni e un'esperienza di spada e scudo che non ha eguali nel mondo degli RPG. Deliverance potrebbe essere tranquillamente un buon simulatore di scherma medievale se integrato con qualche componente VR.

Un mondo vivo

Kingdom Come Deliverance Preview 03 Medieval Living

Il mondo di Kingdom Come, oltre ad essere incredibilmente accurato, è anche sorprendentemente vivo. La routine quotidiana degli NPC si mischia con le avventure del giocatore, e ogni azione porta a una reazione diversa. L'esempio più semplice è il lavarsi: dopo ore sotto la pioggia, combattimenti e scazzottate, puzzerete da far schifo, e un nobile che parlerà con voi sarà certo più propenso alla gentilezza se avrete cura di farvi un bagno prima di approcciarlo.

Questo è solo uno degli esempi di "vitalità" di Deliverance, che riesce a rendere credibile tutta la sua ambietanzione, dando modo al protagonista Henry di affrontare ogni missione a suo modo – o meglio, quello del giocatore – senza problemi. Basti pensare che nelle prime ore di gioco saremo costretti a fuggire da un castello, tra le opzioni potremo decidere di rubare un'armatura completa per non dare nell'occhio, dopo aver corrotto la guardia del portone per uscire, oppure… Decidere di saltare in pieno giorno nel fossato, correre come pazzi in mezzo al villaggio, stendere una guardia a pugni e correre fino all'obiettivo.

379430 screenshots 20180213102709 1

Kingdom Come: Deliverance non prende per mano il giocatore, lasciando che intuisca da solo come migliorare le proprie abilità, come affrontare le missioni e come comportarsi. Ad esempio arrivare tardi a un appuntamento con un personaggio non lo farà reagire certo positivamente, ma non ci sarà un timer a dirvi di affrettarvi, solo il vostro buon senso. In questo RPG è fondamentale rendersi conto di essere solamente uno dei tanti, e che il protagonista pur avendo una sua storia e i suoi obiettivi, incrocia quelli di molti altri personaggi.

Se volete sentirvi l'eletto, l'eroe prescelto, o comunque qualcuno in grado di compiere imprese sovraumane, questo allora non è il titolo che fa per voi. L'abilità di Herny è praticamente pari a quella del giocatore, in termini combattivi, di deduzione di approccio ai problemi. Non è per tutti, ma se vi piace, non potrete più farne a meno.