PlayStation 4

Monster Hunter World Iceborne: Guida al Banbaro

Il Banbaro è un temibile nemico originario delle Distese Brinose, dalle fattezze simili a quelle di un alce e pronto a utilizzare le sue grandi corna per colpirvi. Prima di Iceborne abbiamo avuto modo di affrontarlo durante le fasi di beta testing, dove si è dimostrato un avversario abbastanza agguerrito anche per i cacciatori più ferrati. Quando lo si sfida non si può mai abbassare la guardia, specialmente se si trova nel suo gelido habitat naturale.

Natura del Banbaro

Come accennato, il Banbaro è un mostro grande con due enormi corna e una dimensione corporale molto massiccia. La sua stazza gli permette di poter sradicare intere foreste e livellare cumuli rocciosi come se fossero fatti di carta. Lo incontreremo proprio mentre è intento a rimodernare le Distese Brinose, aprendoci un passaggio per una nuova area e attaccandoci per averlo disturbato.

La maggior parte dei suoi attacchi arrivano dalla testa e, naturalmente, utilizza i suoi due corni come principale mezzo per infliggere dolore. Questo però lo lascia scoperto dal torso in giù, nonostante qualche occasionale colpo di coda che investe una vasta area di terreno. La sua pelliccia lo protegge dal freddo e lo rende anche piuttosto resistente, lasciando invece quasi indeboliti i punti della carne esposti. Per via della sua stazza, inoltre, non è molto veloce e diversi dei suoi attacchi sono preceduti da una carica molto lunga.

Strategia

Come prima cosa, il Banbaro si differenzia un po’ dal resto degli abitanti delle Distese Brinose poiché ha una debolezza al Fuoco pari a 2 stelle invece che a 3. Ciò che lo disturba di più è l’elemento Drago, cosa che giocherà a vostro favore se avrete a portata le vecchie armi del Nergigante o del Vaal Hazak.

Puntate subito alle corna e state attenti a ciò che prende con esse.

A livello di effetti dei suoi attacchi non può infliggere uno status particolari, piuttosto è il terreno su cui lo combatterete a fare la differenza per ciò che può provocarvi con le rocce che tira fuori dal suolo. Un Mantello Antighiaccio è quindi consigliato per il suo primo incontro, ma anche Vitalità e Stabilità (insieme al Tecnico) sono molto utili contro i danni di questo colosso. Nel caso in cui lo dovreste incontrare altrove, difendetevi di conseguenza, per esempio indossando un Mantello Ignifugo nelle Lande Cristalline.

Una volta scesi in battaglia, il vostro primo obiettivo dovrebbe essere quello di rompere corna e coda. Le prime non vi scalzeranno via i danni, ma mirando la testa ci saranno molte più probabilità di stordirlo o stremarlo. Se utilizzate armi pesanti, cercate di predire la sua carica per sbalzarlo via e buttarlo al tappeto con un bel colpo assestato proprio poco prima che vi colpisca.

Tagliare la coda, altresì, vi permetterà di indietreggiare di meno durante le poche volte in cui deciderà di fare una spazzata. La sua lunghezza sarà inoltre ottima per potersi aggrappare con il Rampino Artiglio quando tenterà di scappare, oltre che sfruttare tale strumento per ovviare all’altezza dei suoi punti deboli.

Il Banbaro è molto resistente, ma l'elemento Drago è la sua debolezza.

Utilizzando il Rampino Artiglio, inoltre, otterrete alcuni baccelli in grado di interrompere le sue pericolose cariche con rocce o alberi incastrate nelle corna. Sfruttando Baccelli Lampo, Bomba e Spinosi, riuscirete a fargli cadere qualsiasi cosa stia tenendo, interrompendo una carica mortale ed evitando che lanci i detriti nella vostra direzione.

Pericolosità e Ricompense

Le mosse più pericolose del Banbaro sono quelle che sfruttano i detriti che scava con il muso, specialmente quando si trova in terreni lavici. Dovrete stare sempre attenti a capire che tipo di attacco stia facendo ed evitare di essere sbalzati in aria dalla sua corsa. Se starete troppo a terra o indugerete nelle animazioni di recupero, la conclusione del trasporto dei detriti vi travolgerà con la sua esplosività, mettendovi a rischio di perdere un tentativo della missione.

Per stare al sicuro, misurate bene i momenti in cui vorrete tentare l’approccio frontale e sfruttateli per rilasciare le mosse più dannose che avete nel vostro arsenale. Le trappole coperte, inoltre, sono un buon modo per assicurarsi di rompere le sue preziose corna e ottenere i materiali per l’armatura del mostro. Oltre a essere esteticamente vicina all’idea di un eroe vichingo, risulta particolarmente utile per gli utilizzatori di Scudi grazie a Guardia Offensiva e a Bonus Salute.

Se non hai ancora partecipato alla caccia, Monster Hunter World e Iceborne sono disponibili su Amazon!