Streaming e Web Service

Netflix blocca il video streaming via Airplay, ma su iPad l’audio funziona

Netflix ha disattivato il supporto ad Airplay, il protocollo wireless di Apple per la trasmissione in streaming di contenuti multimediali. L’azienda sul sito ufficiale spiega che questo è avvenuto a causa di “limitazioni tecniche”.

Nella giornata di ieri però ha diffuso una nota stampa leggermente più dettagliata. “Vogliamo assicurarci che i nostri abbonati abbiano una fantastica esperienza Netflix su qualsiasi dispositivo che utilizzano”, si legge nel documento. “Con il supporto AirPlay distribuito su dispositivi di terze parti, non è possibile per noi distinguere i dispositivi (che cosa è un Apple TV rispetto a ciò che non lo è) o certificare queste esperienze“.

“Pertanto, abbiamo deciso di interrompere il supporto di Netflix AirPlay per garantire che siano soddisfatti i nostri standard di qualità per la visualizzazione. Gli abbonati possono continuare ad accedere a Netflix tramite l’app integrata su Apple TV e altri dispositivi”.

La scelta di Netflix è più o meno condivisibile, ma è la tempistica che non convince. Dopo 6 anni di supporto ad AirPlay, a poche settimane dall’annuncio di Apple TV+, ecco scomparire il supporto a una tecnologia che ha faceva comodo (probabilmente) a un discreto numero di clienti. Da ricordare infatti che grazie ad AirPlay si poteva far dialogare in streaming tutti i dispositivi Apple. Per altro nessun aggiornamento tecnico poteva essere motivo di questo cambiamento. Anzi, recentemente Airplay è sempre più diffuso ed è sbarcato su numerosi prodotti LG, Samsung e Visio.

Ovviamente le relazioni tra Netflix e i prodotti Apple proseguono. Le app per iPhone, iPad e iPod Touch continueranno a consentire lo streaming via Chromecast oppure via Wi-Fi con le TV compatibili per abilitare il secondo schermo Netflix.

C’è però almeno una sorpresa, che abbiamo potuto scoprire stamani in sede di test: l’app Netflix per iPad consente ancora l’uso di AirPlay per veicolare l’audio su Smart Speaker – ad esempio Sonos. Insomma, hanno disabilitato solo il video. (Su iPhone e su Mac però la funzione è completamente disabilitata).