Ibride e Elettriche

Prova, Citroën ë-C4: un’elettrica comoda e sorprendente

Tra i costruttori generalisti, Citroën è probabilmente uno dei più audaci e intraprendenti dal punto di vista stilistico. I modelli di ultima generazione si presentano con un disegno della carrozzeria originale e personale, come nel caso di ë-C4. Suv coupé di medie dimensioni disponibile anche in versione completamente elettrica: la batteria da 50 kWh alimenta un motore elettrico da 136 Cv. L’omologazione nel ciclo WLTP parla di 350 km di autonomia; un dato che in effetti si avvicina molto alla realtà.

Federicovecchio.com
Federicovecchio.com

Come detto, lo stile di ë-C4 è uno degli elementi di maggior discussione: le linee sono scolpite muscolose; il disegno della carrozzeria presenta elementi ricchi di personalità, soprattutto nella zona anteriore e posteriore. Il volto della vettura si caratterizza per la presenza dei fari “sdoppiati“: quelli nella parte superiore sono sottili e paiono parte del logo, quelli al di sotto più larghi e luminosi ma dalla forma sicuramente non comune.

Dietro le forme geometriche sono ancora più complesse e sofisticate. Tuttavia, non appesantiscono l’immagine, anzi, rendono il colpo d’occhio più piacevole grazie ad alcuni elementi che aggiungono dinamismo, come il piccolo spoiler “sospeso” tra i gruppi ottici. L’abitacolo si presenta con un’impostazione pratica ed ergonomica: sono stati mantenuti numerosi tasti fisici, sono presenti dei comodi vani svuota tasche e lo schermo del sistema di intrattenimento di bordo è al centro della plancia e ben leggibile. Il software di gestione è efficace, ha grafiche accattivanti e una buona logica di funzionamento. Non manca la compatibilità con Apple Car Play e Android Auto.

Federicovecchio.com
Federicovecchio.com

Lo spazio interno è buono, e permette una più che egregia abitabilità per quattro occupanti, nonostante l’andamento spiovente del tettuccio nella zona posteriore. I sedili, invece, sono sicuramente uno degli aspetti più riusciti e convincenti di Citroën C4: comodi e ben imbottiti, hanno una struttura che permette una seduta ideale. Ci si sente sempre accolti, sia nei brevi trasferimenti, sia nei lunghi e il rapporto tra consistenza e morbidezza dello schienale è uno dei migliori dell’intero segmento. A contribuire al comfort, le sospensioni: davvero ben tarate e in grado di assorbire la maggior parte delle asperità senza scaricare l’urto sulla schiena degli occupanti.

Parlando del sistema propulsivo, il motore da 136 Cv e 260 Nm di coppia massima ha prestazioni brillanti e adeguate al un uso soprattutto urbano. Qui la ë-C4 ha mostrato una grande agilità e un’ottima maneggevolezza, qualità che le permettono di muoversi e spostarsi con disinvoltura tra le caotiche strade cittadine, il tutto sempre nel massimo comfort. Scegliendo la modalità Eco e azionando la frenata rigenerativa, sui tratti urbani non si utilizza quasi mai il freno meccanico. In questo contesto, i 350 km di autonomia dichiarati sono un valore verosimile e attendibile.

Federicovecchio.com

La manovrabilità è ottima e lo sterzo è leggero e preciso. La valutazione degli ingombri è altrettanto valida, per via di una posizione di guida rialzata e dominante. L’auto è equipaggiata anche con un sistema di telecamere: utile soprattutto in retromarcia, anche se la definizione dell’immagine non è proprio di qualità. Completa anche la dotazione di sistemi di assistenza alla guida, di ultima generazione e affidabili, migliorano il senso di sicurezza una volta a bordo.

Per dimensioni e contenuti, Citroën ë-C4 potrebbe affrontare un lungo trasferimento anche nella versione elettrica. Autostrada e strade extraurbane impongono però un’attenta pianificazione nel caso in cui il viaggio superi la percorrenza di 200 km. Questo è il limite difficile da superare con un pieno di energia elettrica e una velocità costantemente superiore ai 100 km/h. Del resto, le auto elettriche soffrono se portate ad affrontare lunghi e impegnativi viaggi, portando a una riduzione sensibile dell’autonomia. Nel corso del lungo periodo di prova, però, C4 ha dimostrato di poter soddisfare le esigenze anche di chi ha necessità di percorrere tanti chilometri lontano dai centri urbani, a patto di una precisa pianificazione.

Inoltre, in aiuto ai viaggiatori elettrici, è predisposta per supportare la ricarica in corrente continua fino a un massimo di 100 kW. Ciò significa ottenere 100 km di autonomia in 10 minuti oppure raggiungere l’80% di carica in circa mezz’ora. Il supporto in corrente continua raggiunge invece il valore massimo di 11 kW. Il listino di Citroën C4 in versione elettrica parte da un prezzo di 35.400 euro, analogo quindi a quello di Corsa-e che abbiamo provato nelle scorse settimane.

 

Citroën ë-C4

In conclusione, Citroen e-C4 rappresenta una valida soluzione per chi è alla ricerca di una vettura elettrica con uno stile inconfondibile e un comfort di alto livello. Mentre il prezzo di listino appare competitivo e in linea ad altri modelli del medesimo segmento, ci sono alcuni aspetti che potrebbero essere migliorati.

Pro

  • Stile e disegno della carrozzeria originale e personale
  • Comfort a bordo è di altissimo livello
  • Prezzo di listino è competitivo

Contro

  • Definizione della retrocamera di bassa qualità
  • Autonomina in autostrada tende a scendere sensibilmente