Libri e Fumetti

Dragon Ball Super – la verità sulle Sfere del Drago e sui Namecciani

Dragon Ball Super, l’ultima interazione dell’inossidabile franchise ideato da Akira Toriyama, dimostra ancora una volta la sua camaleontica capacità di rinnovare le avventure con protagonisti Goku e i Saiyan.

Questa volta ad essere rimaneggiato è un elemento classico della serie, nel senso che risale alla primissima serie manga, ovvero le Sfere del Drago che nell’ultimo capitolo pubblicato, il 69, disponibile per la lettura in inglese sull’app Mangaplus di Shueisha, tornano al centro delle trame.

dragon ball super

Attenzione la seguente news contiene spoiler su Dragon Ball Super Capitolo 69!

Dragon Ball Super Capitolo 69 si apre con Granola, il nuovo villain introdotto pochi capitoli fa, atterrare sul suo pianeta natale Cereal. Apprendiamo che la popolazione del pianeta è stata decimata dalla invasione di Freezer e del suo esercito di Saiyan, il pianeta era stato successivamente acquisito dagli Heeters (trovate tutte le informazioni su di loro in questo nostro articolo) per essere “ristrutturato” e venduto agli Sugariani, una razza che ha perso invece il suo pianeta natale.

Granola, come molti cerealiani, venne costretto quindi a ritirarsi su una montagna trovando riparo presso un anziano namecciano.

Non si tratta però di un anziano qualunque ma di un namecciano che ha creato un proprio set di Sfere del Drago! Scopriamo infatti che i Namecciani non sono né nativi del 7° Universo né di Namek. Ma non è questa la vera rivelazione!

L’anziano conferma che i namecciani che si sono stabiliti su altri pianeti e in altri universi hanno creato tutti set diversi di Sfere del Drago che possono avere diversa forma, aspetto e composizione!

Dragon Ball Super Capitolo 69 si conclude con Granola che recupera la seconda delle due Sfere del Drago che compongono il set di Cereal, evoca il Drago ed esprime il suo desiderio: diventare il guerriero più forte del 7° Universo.

Sia dentro che al di fuori del suo canone, Dragon Ball ha giocato spesso con l’idea dell’esistenza di diverse Sfere del Drago e diversi Draghi ma con questa rivelazione il concetto diventa a tutti gli effetti canonico aprendo le porte, narrativamente parlando, a nuove soluzioni che potrebbero rappresentare una ondata di novità rispetto ai classici e continui power up che abbiamo visto negli ultimi anni coinvolgere Goku e gli altri guerrieri.

Dragon Ball Super, il manga e l’anime

Dragon Ball Super narra le vicende accadute dopo la battaglia contro Majin Bu e comprende i dieci anni seguenti fino alla fine di Dragon Ball Z, andando a posizionarsi dunque tra il 288° e il 289° episodio di quest’ultima. Inizia come un remake dei film d’animazione Dragon Ball Z – La battaglia degli dei e Dragon Ball Z – La resurrezione di ‘F’, per poi procedere a raccontare storie originali.

L’anime è composto da 131 episodi prodotti da Toei Animation e andati in onda su Fuji Television mentre in Italia, a blocchi di episodi, è stata trasmessa su Italia 1 doppiata in italiano fra il 2016 e il 2019. Sequel diretto della serie è il film, il 20° del franchise, Dragon Ball Super: Broly uscito il 28 febbraio 2019 grazie ad Anime Factory.

dragon ball super broly

Il manga, che ricordiamo è scritto da Akira Toriyama e disegnato da Toyotaro, è giunto invece al 14° volume, i primi 12 sono stati già pubblicati in Italia da Edizioni Star Comics.

Eccovi la sinossi del primo volume:

Diverso tempo è trascorso dalla grandiosa battaglia tra Goku e Majin Bu, e ora una nuova minaccia incombe sul mondo che ha ritrovato la pace… Questa volta il nemico arriva dal “Sesto Universo”! Comincia un Dragon Ball completamente nuovo, che riprende le avventure dei Saiyan da dove si erano interrotte!

Iniziate la lettura di Dragon Ball Super dal Volume 1 edito da Edizioni Star Comics.