Case e PC Completi

pagina n.16

Pagina 16: pagina n.16


Shuttle XPC SB61G2: Sistema di prima
categoria con qualche debolezza, Continua

Come già menzionato nei test precedenti, il dissipatore
dello Shuttle non ha ancora raggiunto la piena maturità. Specialmente
se si utilizza una CPU veloce (2.8 Ghz o superiore) in combinazione con una
scheda grafica efficiente (Ati Radeon 9700 Pro), un hard disk a 7200 U/min e
un CD ROM, le limitazioni di questo mini sistema diventano evidenti. Solo la
ventola del dissipatore a heat-pipe provvede al ricircolo dell’aria, ed il flusso
non raggiunge l’hard disk. Il risultato è un surriscaldamento (sistemazione
a sandwich), che potrebbe causare danni se usato continuamente per molto tempo.
In più il rumore di funzionamento aumenta drasticamente all’aumentare
della velocità della grande ventola di serie. In questo caso il controllo
della temperatura da parte del BIOS è inutile, perché è
utilizzato solo se il sistema è sottoposto ad uno stress di basso livello.
Durante le prove abbiamo notato che la velocità della ventola varia continuamente
e gli utenti più sensibili potrebbero essere irritati da questo comportamento.
D’altro canto, Shuttle non si è risparmiata e ha optato per un raffreddamento
attivo sul Northbridge. Tutto sommato, Shuttle offre le migliori rifiniture
combinate con l’hardware più aggiornato. Oltre i connettori Lan Gigabit
(100Mbit, integrata), sono provviste tutte le interfaccie necessarie. Dettagli
come l’assenza delle protezioni per le periferiche sono sentore del fatto che
Shuttle vede i suoi XPC come dei PC per ufficio.

Shuttle XPC SB61G2: First-Class Equipment with Weaknesses, Continued


Il sistema a sandwich di Shuttle
non è la soluzione ideale. Gli hard disk e gli altri driver (DVD/CD,
floppy) non sono raffreddati e possono essere danneggiati se usati per molto
tempo continuamente.

Pagina 16: pagina n.16

Indice