Raffreddamento

Metallo liquido e i suoi limiti

Pagina 6: Metallo liquido e i suoi limiti

Pulizia e levigatura

I prerequisiti più importanti per usare un composto a metallo liquido sono superfici pulite per quanto concerne heatsink e heatspreader. Potete acquistare un kit con tre liquidi di ripulitura, o semplicemente dell'alcol isopropilico in negozio. Non usate acetone o nafta – persino l'alcol denaturato potrebbe contenere additivi dannosi. Infine, attendete che le tracce rimanenti di liquido siano totalmente evaporate!

Se la superfice è troppo liscia, il metallo liquido potrebbe rapidamente fuoriuscire. Perciò, a dispetto di ciò che fareste per le paste termiche standard, considerate di rendere più ruvide le interfacce di heatsink e heatspreader. Ricordatevi solo che di solito avete sufficiente metallo liquido per un paio di tentativi.

pulizia

Non esagerate. Se strofinate troppo forte, l'innocente spugna può causare profonde scanalature. Muovetevi lentamente in modo circolare.

L'applicazione perfetta

Applicare il composto è difficile, anche se i nuovi prodotti si comportano in modo più simile alle paste tradizionali. A ogni modo sono molte volte più fluidi e la loro composizione è ancora un elemento di preoccupazione, perché determinati ingredienti corrodono i metallici leggeri come alluminio e determinate leghe.

Questo potrebbe avere un effetto degradante sulla conduttività termica, e causare persino la formazione di uno strato isolante. Le superfici in rame e placcate nickel non hanno problemi, e perciò anche gli heatspreader.

pulizia 01

Una volta che avrete reso un po' ruvida la vostra CPU potete ragionevolmente applicare la pasta, diffondendola con il pennello in dotazione. La quantità da usare varia in base alla dimensione della CPU, ma di norma ci vuole metà del tubetto per i processori più grandi e un terzo per quelli più piccoli.

C'è un metodo alternativ: provate ad applicare il metallo liquido sulla CPU lontano dal socket, proteggendo la motherboard da sversamenti. Abbiamo messo il nostro chip su una spugna per assicurarci che nessuno dei piedini venisse piegato.