Storage

Recensione Intel SSD DC S3700: fino a 800 GB per le aziende

Pagina 1: Recensione Intel SSD DC S3700: fino a 800 GB per le aziende

Introduzione

Quando Intel introdusse, quasi quattro anni fa, l'SSD X25-E sul mercato, si lasciò alla spalle quasi tutta la concorrenza. Al tempo un controller proprietario, memoria NAND SLC prodotta a 50 nanometri, una durata in scrittura senza precedenti e prestazioni incredibilmente costanti erano caratteristiche impareggiabili. L'X25-E rimarrà nella nostra memoria come uno dei prodotti enterprise più convincenti.

La capacità di quegli SSD erano tuttavia contenute e il prodotto estremamente costoso. Un aspetto, quest'ultimo, che probabilmente non ha avuto peso per le aziende che l'hanno acquistato, poiché le prestazioni e l'affidabilità rispetto alla concorrenza non avevano paragoni. Quel vantaggio era attribuibile non solo al fatto che Intel aveva scritto un firmware personalizzato, ma anche al controller fatto in casa.

The SSD 710's controller: We've seen that one before!

Questa volta il team SSD di Intel non ha presentato nulla di rivoluzionario. Dal punto di vista della NAND, per quanto concerne le soluzioni enterprise l'azienda è passata dalla memoria SLC a quella HET-MLC. Il primo successore dell'X25-E, l'SSD 710 (recensione), era promettente ma soffriva di alcuni problemi. Il controller era semplicemente una versione rivisitata del progetto a 10 canali che l'azienda aveva usato anni prima.

Nonostante le prestazioni fossero vicine a quelle raggiunte dall'X25-E, l'SSD 710 era semplicemente fuori tempo massimo. Arrivò infatti nel momento in cui le soluzioni da 6 Gb/s stavano diventando la norma, perciò le prestazioni erano deludenti. Intel probabilmente ha commesso un mezzo passo falso solo perché non aveva un controller su cui ripiegare: l'azienda scelse di collaborare con Marvell e poi SandForce nel settore consumer, ma con la semplice modifica del firmware non fu più in grado di distinguersi dalle altre aziende del settore SSD.

Inoltre la memoria HET-MLC usata per l'SSD 710 offriva un buon compromesso tra prestazioni, capacità e durata, ma era troppo costosaIntel aveva bisogno di ripartire da dove aveva iniziato, cioè da una parola: innovazione.

Faccia a faccia con l'SSD DC S3700

È incredibile che cosa può succedere in un anno. L'SSD DC S3700 di Intel si presenta come l'antitesi dell'SSD 710. Equipaggiato con un nuovo controller a otto canali progettato da Intel stessa e memoria NAND HET-MLC a 25 nanometri, l'azienda ha un'offerta decisamente più interessante, almeno sulla carta.

L'SSD DC S3700 è disponibile in quattro capacità da 2,5" (100, 200, 400 e 800 GB) e due capacità da 1,8" (200 e 400 GB). Quest'ultime in particolare sono una sorpresa. Abbiamo visto diversi produttori rifuggire dalle proposte da 1,8", ma Intel giura che esiste una crescente domanda nei mercati blade e micro-server.

Intel SSD DC S3700
Capacità 100 GB 200 GB 400 GB 800 GB
Interfaccia 2.5" 6 Gb/s SATA 2.5"/1.8" 6 Gb/s SATA 2.5" 6 Gb/s SATA
Lettura sequenziale 500 MB/s
Scrittura sequenziale 200 MB/s 365 MB/s 460 MB/s 460 MB/s
Lettura casuale 4K 75,000 IOPS
Scrittura casuale 4K 19,000 IOPS 32,000/29,000 IOPS 36,000 IOPS 36,000 IOPS
Consumi (+5 V attivo) 2.8 W 4.2 W 5.2 W 5.8 W
Consumi (+5 V Idle) 0.6 W
Durata 1.83 PB 3.65 PB 7.3 PB 14.6 PB
Crittografia AES-256

Anche se le specifiche del prodotto non sono tanto aggressive da mettere in ombra soluzioni consumer come il Samsung 840 Pro (recensione), rappresentano un rilevante miglioramento rispetto all'SSD 710. L'SSD DC S3700 dovrebbe essere due volte più veloce del predecessore nelle operazioni di lettura casuale e 15 volte più rapido nelle scritture casuali. Le prestazioni sequenziali dovrebbero essere due volte migliori.

Ad attirare maggiormente è però il prezzo. Quando Intel ha presentato l'SSD 710, voleva all'incirca 7 dollari al gigabyte. Persino l'SSD 910 PCI Express (recensione) presentato alcuni mesi fa e dotato di memoria HET-MLC a 25 nanometri richiedeva 5,5 dollari al gigabyte.

Per quanto riguarda l'SSD DC S3700 da 2,5" a 100, 200, 400 e 800 GB abbiamo prezzi di 235, 470, 940 e 1880 dollari, rispettivamente. I modelli da 1.8" dovrebbero richiedere, per ogni capacità, 25 dollari in più. In soldoni parliamo di 2,35 dollari al gigabyte. Quindi, nell'arco di un anno, il prezzo per gigabyte è sceso del 65%. Anche se Intel chiede ancora quasi il doppio rispetto a un Samsung 840 Pro, l'SSD DC S3700 integra funzioni enterprise che non si trovano da nessun'altra parte.