Spazio

SpaceX Inspiration4 porterà in orbita il primo equipaggio composto esclusivamente da civili

Volare nello spazio, si sa, è il sogno di moltissime persone. Ultimamente, questo sogno si è avverato anche per un ristretto gruppo di persone sul cui curriculum non compare in pianta stabile anche la voce “astronauta”, ma quella di “miliardario” assolutamente si. Personaggi come Jeff Bezos e Richard Branson hanno già coronato il loro “sogno spaziale”, mentre Elon Musk, patron del progetto SpaceX, ancora non è riuscito nel suo intento, ma ha intenzione di mandare avanti prima un intero equipaggio di cosmonauti non professionisti, la missione Inspiration4.

SpaceX Inspiration4

Jared Isaacman, CEO di Shift4 Payments, una società di pagamenti online, ha acquistato tutti e quattro i posti disponibili a bordo della navicella spaziale CrewDragon del programma spaziale SpaceX di Musk, di fatto divenendo il “comandante” di Inspiration4, la prima missione orbitale composta interamente da un equipaggio di non professionisti!

Isaacman è una personalità già piuttosto conosciuta nell’ambiente, appassionato di esplorazione spaziale, pilota abilitato per jet commerciali e militari, organizzatore di eventi benefici e, tra le altre cose, fondatore della Draken International, la più grande forza aerea privata del mondo, in grado di addestrare anche i migliori piloti per conto delle Forze Armate U.S.A. Chi sono però i suoi compagni di avventura?

SpaceX Inspiration4

La selezione per i tre membri vacanti dell’equipaggio sono stati decisi in maniera differente. Uno di loro sarebbe stato scelto tramite una semplice lotteria. Questa fortuna è toccata Chris Sembroski, consulente per le missioni spaziali della NASA e ex militare dell’Aeronautica Militare statunitense che, una volta congedato, ha conseguito una laurea in ingegneria aeronautica. Facendo una donazione al St.Jude Childrens Memorial Hospital di Menphis, ha partecipato automaticamente alla lotteria con il posto nella squadra Inspiration4 in palio. Posto che è stato vinto da un suo amico e testimone di nozze il quale, per motivi personali, non ha voluto “ritirare” il premio, cedendolo di fatto a Sembroski.

L’altro posto nella squadra se lo è aggiudicato invece, Sian Proctor, laureata in scienze ambientali, master in geologia e insegnante al South Mountain Community College di Phoenix. Sian, anche lei appassionata di esplorazione spaziale e figlia di uno degli ingeneri che hanno lavorato alla NASA durante la missione Apollo 11, ha vinto il concorso che prevedeva la progettazione di uno store online per Shift4 Payments. Una semplice email le ha comunicato che, di li a breve, sarebbe andata nello spazio. Decisamente un messaggio gradito!

L’ultimo membro della missione è invece Hayley Arceneaux, assistente medico presso l’istituto St,Jude, ospedale che le aveva già salvato la vita quando, da bambina, le fu diagnosticato una grave forma di osteosarcoma, una variante di tumore osseo. Fare parte del personale dell’ospedale era l’ultimo dei requisiti specificati da Isaacman per poter prendere parte alla missione. Avendo un ginocchio completamente ricostruito in titanio, l’esperienza della Arceneaux sarà preziosa per studiare il comportamento delle protesi durante le missioni spaziali, dati utili anche alla NASA (i cui giubbini sono disponibili a questo link) per delineare i profili dei futuri equipaggi delle missioni.

SpaceX Inspiration4

Salvo imprevisti, la missione Inspiration4 dovrebbe prendere il via il prossimo settembre. Facciamo dunque i nostri migliori auguri a questo storico equipaggio di “dilettanti allo sbaraglio”!