Android

Samsung, One UI 4 è qui: l’aggiornamento Android 12 parte dai Galaxy S21

Samsung accelera il passo e avvia, con un discreto anticipo rispetto alle aspettative di tutti, la distribuzione della One UI 4 basata su Android 12 per gli smartphone della serie Galaxy S21. Dopo un periodo di Developer Preview e un programma beta limitato a pochi Paesi, a partire da oggi 18 novembre anche i possessori degli ultimi flagship Android sul territorio italiano potranno aggiornare i propri smartphone al nuovo sistema operativo.

Samsung - Galaxy S21 5G

L’arrivo dell’aggiornamento era già previsto da tempo entro la fine del 2021: dopo il lancio ufficiale dei nuovi Google Pixel 6 e 6 Pro avvenuto poco meno di un mese fa, il produttore sudcoreano si era mosso con relativo anticipo rispetto alle consuete tempistiche, anticipando il rilascio del programma beta e lasciando intendere, anche senza una roadmap ufficiale, che il nuovo sistema operativo sarebbe presto arrivato sui device più recenti.

La One UI 4, presentata qualche giorno fa in un comunicato stampa in occasione del lancio ufficiale e del primo annuncio del rollout sul mercato internazionale, coniuga il linguaggio di design Material You e le principali funzionalità di Android 12 alla creazione, tipica di Samsung, di un’esperienza utente completamente personalizzata, molto diversa rispetto ad Android stock o al sistema operativo a bordo dei nuovi Pixel.

Grazie alla funzionalità delle Color Palettes introdotta all’interno della One UI 4 Samsung implementa, sebbene in modo meno pervasivo rispetto a Google, la possibilità di personalizzare le principali aree del dispositivo in accordo ai colori utilizzati per lo sfondo. Samsung ripensa anche l’organizzazione dei widget e aggiunge elementi come nuove emoji, GIF e sticker implementati all’interno della tastiera preinstallata, proprio come in Gboard.

Nella One UI 4 sono disponibili gran parte delle nuove funzionalità dedicate alla privacy che Android 12 offre agli utenti, come un avviso di utilizzo della fotocamera o del microfono da parte delle app e la nuova Privacy Dashboard per uno sguardo d’insieme su permessi e impostazioni.

Samsung ha inoltre puntato tutto sulla costruzione di un ecosistema di prodotti, che beneficia sia della partnership con Google per i servizi della Google Suite, sia di un utilizzo integrato di dispositivi, wearable e accessori targati Samsung. Curiosamente, l’azienda ha parlato di “look and feel uniforme” per la One UI 4 includendo anche i foldable della serie Z, ma non è ancora chiaro se questi dispositivi facciano uso di un sistema operativo basato su Android 12L o se Samsung abbia implementato le soluzioni già sviluppate in precedenza su tablet e dispositivi dal form factor ampio.

One UI 4 è ora disponibile per i possessori di smartphone della gamma Samsung Galaxy S21, più precisamente sui device no brand e di brand TIM. Presto sarà però disponibile anche per gli smartphone e i tablet più recenti prodotti da Samsung (che, come ricordiamo, garantisce già da tempo tre anni di aggiornamento a molti dei propri dispositivi), di solito entro qualche mese dall’inizio del rollout.

Se siete tra i fortunati che possono già da subito aggiornare il proprio Galaxy S21, tutto quello che dovete fare per ricevere la nuova One UI 4 è recarvi nelle impostazioni relative agli aggiornamenti software, verificare se l’update è già disponibile (potrebbe volerci al massimo qualche giorno), scaricarlo e installarlo sul vostro smartphone.

Un assaggio di tutta la potenza dei nuovi dispositivi Oppo a un prezzo mai visto prima: Oppo A94 con 5G e 8GB di RAM è in offerta su Amazon.