Ibride e Elettriche

BMW punta sull’elettrico: entro il 2023 un’auto su cinque venduta sarà EV

Il futuro di BMW, per stessa ammissione di Zipse, è strettamente legato alla strategia di elettrificazione. Un progetto a lungo termine che coinvolgerà l’intera gamma del costruttore bavarese, tenendo in considerazione non solo modelli completamente elettrici ma anche ibride plug-in.

“Stiamo crescendo in modo significativo nel campo delle auto a batteria, ha dichiarato il manager al quotidiano tedesco Augsburger Allegemeine – e tra il 2021 e il 2023 arriveremo a produrre 250.000 auto elettriche (BEV e PHEV) in più di quanto previsto”. La gamma a zero emissioni di BMW è la nota con una gamma che andrà a espandersi in modo incisivo nei prossimi anni.

Il piano di BMW per incrementare la quota di vetture elettriche è particolarmente ambizioso: entro il 2023, secondo quanto dichiarato da Zipse, le auto a zero emissioni dovranno rappresentare il 20% dell’intera produzione. Un obiettivo che inevitabilmente andrà perseguito progettando e presentando nuovi modelli, visto che con l’anno appena conclusosi, l’auto elettrica ha occupato per BMW solo l’8% della quota produttiva.

Il manager di BMW è convinto che si tratti di un valore raggiungibile dal punto di vista industriale, a patto che sia potenziata anche la rete di infrastruttura di ricarica. Affinché l’automobile elettrica diventi di massa, si rende necessaria una diffusione la più capillare possibile di colonnine. La situazione attuale non potrebbe sostenere un gran numero di EV circolante, per questo sono nati diversi progetti tra cui Ionity, di cui BMW fa parte, con l’obiettivo di ampliare la rete di ricarica per mezzo di colonnine veloci.

La gamma di veicoli elettrici sarà ampliata nel futuro prossimo. I modelli ad arrivare per primi saranno iX3 e iX che andranno ad affiancare le note i3 e i8, prossime ormai al ritiro dal mercato. La i3 potrebbe essere sostituita da un’utilitaria a zero emissioni di nuova generazione, mentre la supercar potrebbe non avere erede. In un primo momento, dunque, BMW proporrà soprattutto carrozzeria Suv, la più apprezzata e desiderata dagli automobilisti.

Successivamente, arriveranno versioni a zero emissioni per le berline Serie 5 e serie 7, Serie 3 e la coupé i4. Veicoli che rappresentano da sempre il marchio nel mondo e che non saranno trascurati anche in vista della transizione alla mobilità elettrica. Parte del gruppo BMW è anche Mini, la quale al momento ha a disposizione in gamma la sola Cooper SE. Il marchio inglese vedrà nel prossimo futuro l’introduzione di nuovi modelli a zero emissioni.