Manager

BlackBerry Enterprise Server 12

Pagina 2: BlackBerry Enterprise Server 12

La versione 10 comincia a essere apprezzata dai primi clienti. Ci sono pilota anche in Italia, ma non ne conosciamo i dettagli. Nel frattempo si prepara il BlackBerry Enterprise Server 12, che, si legge in un comunicato, rappresenta una nuova soluzione di enterprise mobility application-enabled, la quale unifica in un'unica piattaforma BES10 e BES5.

Innanzitutto sgombriamo il campo dal dubbio che in BlackBerry non sappiano contare: la versione 11 è stata cancellata perché una parte delle innovazioni era già stata inclusa nella 10, mentre le altre si è ritenuto di accorparle alle novità della 12, più urgenti.

Il "salto generazionale" corrisponde alle intenzioni del nuovo management di spingere sulla componente software e di gestione. Sono infatti queste due le componenti più importanti delle soluzioni per l'Enterprise Mobility.

Con BES 12 e la focalizzazione sui sistemi operativi e non sui dispositivi, BlackBerry, a detta dei suoi stessi responsabili, si sta preparando all'evoluzione della mobility o, meglio, alla rivoluzione dell'Internet of Everything e del M2M (Machine to Machine).

Questo, come sottolinea Ghidini, con le caratteristiche di affidabilità e sicurezza che il mercato già riconosce a BlackBerry.Tra le caratteristiche riportate da produttore, BES 12 annovera funzionalità di user self service, service management avanzato, possibilità di installazioni scalabili a livello di data center e di implementazioni con cluster ridondanti di tipo active-active, per garantire affidabilità senza eccessivo spreco di risorse.

Più in dettaglio, viene spiegato che la funzionalità di service management fornisce un monitoraggio proattivo e strumenti per calibrare la piattaforma, che consentono di ottenerne una prospettiva end to end e conferiscono capacità automatiche di risoluzione dei problemi.

La console di gestione, inoltre, è disponibile per ambienti, sia on premise sia in cloud, tanto pubblico quanto privato o ibrido, afferma ancora Ghidini.

Importante è poi la disponibilità di tool per lo sviluppo di app mobile, progettati per facilitare l'integrazione delle risorse aziendali sulla piattaforma.