Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
CPU

Recensione Ryzen Threadripper 2970WX e 2920X

Pagina 1: Recensione Ryzen Threadripper 2970WX e 2920X

La seconda generazione di processori AMD Ryzen Threadripper ha fatto il suo debutto con un processore a 32 core e 64 thread, il 2990WX, disponibile a un prezzo di 1800 euro circa. Un processore capace di raggiungere nuovi record prestazionali se usato con carichi in grado di sfruttarne le risorse, ovvero l’elevato numero di core. Diverso invece il comportamento nei comuni software desktop, dove l’architettura unica del chip porta a risultati altalenanti molto dipendenti dal software stesso. In virtù di tutto questo avevamo consigliato il 2990WX ai professionisti che usano un determinato tipo di software di classe workstation altamente parallelizzato.

Il Ryzen Threadripper 2970WX da 1300 euro circa che recensiamo in questo articolo offre 24 core e 48 thread, più di un Core i9-7980XE/9980XE che offre 18 core con Hyper-Threading, per un totale di 36 thread. Il suffisso WX ne conferma l’affinità con il multitasking molto pesante e i carichi professionali e similmente al 2990WX, è dotato di due die che non sono connessi direttamente alla memoria principale.

La CPU offre grandi prestazioni con i carichi ottimizzati per sfruttare i thread che non sono sensibili al throughput di memoria, ma i risultati sono meno impressionanti nei software affamati di bandwidth che non scalano bene con moltissimi core. Per minimizzare i compromessi dell’architettura AMD ha recentemente introdotto la Dynamic Local Mode nel software Ryzen Master, ma pur benefica, tale soluzione non è sempre efficace.

Date le somiglianze con il processore a 32 core, non sorprende che Threadripper 2970WX dimostri comportamenti molto simili nella nostra suite di test. Avrete ancora bisogno di un particolare tipo di carico per massimizzarne il potenziale. Fortunatamente, se avete il software giusto, Threadripper 2970WX vi permette di avere prestazioni simili al 2990WX a un prezzo decisamente inferiore.

Ryzen Threadripper 2970WX

All’inizio di quest’anno AMD ha rinnovato l’offerta mainstream Ryzen con le ottimizzazioni dell’architettura Zen+, un insieme fatto di processo produttivo a 12 nanometri, migliori latenze per cache e memoria, frequenze maggiori e Precision Boost multi-core migliorato. Tutte queste novità hanno trovato casa anche nella più recente famiglia Threadripper.

AMD ha suddiviso la famiglia Threadripper in due serie, WX e X, e in modo molto simile a quanto fatto con la precedente gamma X, l’azienda ha indirizzato la serie WX ai carichi multitasking intensi, rendering 3D, codifica multimediale e altro. Si offre quindi agli sviluppatori software e ai creatori di contenuti di altissimo livello.

Ryzen Threadripper 2990WX
Ryzen Threadripper 2970WX Ryzen Threadripper 2950X
Threadripper 2920X
Socket
TR4 TR4 TR4 TR4
Core / Thread
32 / 64 24 / 48 16 / 32 12 / 24
Frequenza base 3.0 GHz 3.0 GHz 3.5 GHz 3.5 GHz
Frequenza Boost
4.2 GHz 4.2 GHz 4.4 GHz 4.3 GHz
Velocità memoria DDR4-2933 (Variabile) DDR4-2933 (Variabile) DDR4-2933 (Variabile) DDR4-2933 (Variabile)
Controller memoria
Quad-Channel Quad-Channel Quad-Channel Quad-Channel
Moltiplicatore sbloccato
Linee PCIe
64 (quattro al chipset) 64 (quattro al chipset) 64 (quattro al chipset) 64 (quattro al chipset)
Grafica integrata No No No No
Cache (L2 / L3)
80MB 64MB 40MB 32MB
Architettura
Zen+ Zen+ Zen+ Zen+
Processo
12nm LP GloFo 12nm LP GloFo 12nm LP GloFo 12nm LP GloFo
TDP
250W 250W 180W 180W

Ryzen Threadripper 2970WX è il secondo processore quad-die per i desktop di fascia alta. I 24 core e 48 thread operano a una frequenza base di 3 GHz che arriva a 4,2 GHz tramite gli algoritmi XFR (eXtreme Frequency Range). Il processore ha anche una tecnologia Precision Boost 2 migliorata che gli consente di raggiungere frequenze multi-core turbo più alte rispetto ai modelli di prima generazione.

Ognuno dei quattro die all’interno di una CPU WX dispone di otto core fisici e 16 MB di cache L3. Perciò, Threadripper 2990WX e 2970WX sono entrambi dotati di 64 MB di cache L3, una quantità elevata e che segna una discontinuità con quanto fa la concorrente Intel, che di solito disabilita la cache quando spegne i core per creare i modelli minori. Ovviamente AMD spegne due core per die per creare la configurazione a 24 core del 2970WX. E come il 2990WX, anche il Ryzen Threadripper 2970X è attestato a 250W.

I Threadripper della serie X con due die sono più indicati ad appassionati e giocatori (chi fa streaming e quindi necessità di più core). AMD ha portato sul mercato il Threadripper 2950X a settembre, e parallelamente al 2970WX arriva sul mercato anche il Threadripper 2920X con 12 core e 24 thread. Questo processore include sei core per die e gli stessi 32 MB di cache L3 del modello da 16C/32T 2950X. I due modelli X conservano un TDP di 180W come la prima generazione.

AMD vende tutte le CPU Threadripper con un supporto Asetek che fornisce una copertura parziale per l’enorme heatspreader usando i dissipatori a liquido ad anello chiuso compatibili. Secondo AMD questa copertura parziale è adeguata per il funzionamento a frequenze di fabbrica, ma abbiamo riscontrato che una copertura totale funziona meglio. AMD ha inoltre collaborato con Cooler Master per sviluppare il dissipatore Wraith Ripper, compatibile con il Socket TR4. Va acquistato a parte.

Come tutte le CPU Ryzen e Threadripper rilasciate finora, anche questo modello adotta la saldatura all’indio tra i die e l’heatspreader per migliorare il trasferimento termico. Intel usa la pasta termica per i processori Skylake-X della serie 7000 e consiglia di usare il raffreddamento a liquido, cosa che secondo AMD non è necessaria con i Threadripper.

Tutti i processori Threadripper di seconda generazione sono retrocompatibili con le motherboard X399 esistenti, ma le vecchie schede madre TR4 potrebbero faticare a sostenere le richieste  energetiche dei chip WX da 250 Watt, in particolare se si prova a overcloccarli. Se volete aumentare le frequenze è quindi consigliabile acquistare una X399 tra le più recenti.

Configurazione DIMM
Rank memoria
Transfer Rate (MT/s) supportato ufficialmente
4 di 4
Single DDR4-2933
4 di 8
DDR4-2667
8 di 8
DDR4-2133
4 di 4
Dual DDR4-2933
4 di 8
DDR4-2667
8 di 8
DDR4-1866

Tra le caratteristiche che aggiungono valore al 2970WX ci sono il moltiplicatore sbloccato per l’overclock, la nuova funzionalità di OC automatico Precision Boost Overdrive (PBO), il software Ryzen Master e 60 linee PCIe 3.0 – altre quattro sono collegate al chipset – che potrebbero essere utili per collegare diverse schede video, oppure tante soluzioni di archiviazione o di rete.

Le CPU Threadripper hanno controller di memoria dual-channel indipendenti localizzati su due die, che si combinano per fornire supporto quad-channel con transfer rate variabile a seconda della configurazione di memoria. Con i Threadripper di seconda generazione AMD ha portato la specifica massima a DDR4-2933 (da DDR4-2666). La piattaforma supporta memoria ECC e fino a 256 GB di capacità, ma può ospitare fino a 2 TB di memoria con l’aumentare della densità dei chip di memoria.