Bonus PC 500 euro

Bonus PC e internet: fino a 500 euro per l’acquisto di un nuovo computer

Il ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano aveva annunciato nei mesi scorsi l’arrivo di un nuovo bonus per le famiglie italiane dedicato all’acquisto di un nuovo PC, tablet o per dotarsi di una connessione internet. Il bonus è di massimo 500 euro ed è finalmente disponibile dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. La fase operativa inizierà il 9 novembre, con Infratel che approverà le offerte predisposte dai vari operatori di rete a partire dal 7 novembre.

L’arrivo del bonus era inizialmente stato confermato dal ministro Pisano al Corriere della Sera, ora tale agevolazione è finalmente stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale rendendola di fatto disponibile. L’approvazione arrivata dalla Commissione Europea ha dato il via libera all’emissione degli sconti riconoscendo “la legittimità del regime di aiuto” per le famiglie italiane a basso reddito.

Il bonus PC 2020 è stato annunciato in un momento storico difficile. Le scuole sono ormai riaperte e, per quegli studenti che non possono rientrare in sede a causa della pandemia di Covid-19 ancora in corso oppure che hanno la possibilità di sfruttare la didattica a distanza, questo nuovo bonus PC può tornare utile per potersi attrezzare nel migliore dei modi. Anche il lavoro da casa fa parte ormai della nuova normalità e poter disporre del bonus computer per l’acquisto di un nuovo prodotto potrebbe permettere a molte famiglie di non dover lottare per l’utilizzo di quello che, tante volte, è l’unico PC presente in casa.

Questo bonus tablet e PC è primo passo del piano destinato a promuovere la domanda di servizi di connettività in tutto il Paese, messo in atto dal Comitato banda larga presieduto dal ministro stesso, e prevede un fondo complessivo di 1 miliardo e 150 milioni di euro da destinare in contributi a favore di famiglie e imprese. L’acquisto di un PC o un tablet è dunque comunque sottoposto alla sottoscrizione di un contratto di connettività per la banda larga.

Dobbiamo mirare all’indipendenza tecnologica nei confronti dell’estero, a preservare la nostra sovranità digitale, ma dobbiamo muoverci in un’ottica europea rispettando un quadro di regole che ci permetta di preservare la privacy di tutti i nostri dati e ci protegga dal rischio di intrusioni esterne” ha precisato la Pisano. “L’Europa e noi al suo interno siamo in ritardo nello sviluppo di cloud che reggano la competizione con quelli extraeuropei”.

A gestire le richieste sarà Infratel, società del Ministero dello Sviluppo Economico e parte del gruppo Invitalia, che sta predisponendo la piattaforma dedicata al bonus PC. Non sono i singoli utenti che dovranno effettuare direttamente la richiesta ad Infratel ma saranno gli operatori di rete. Per ricevere il bonus sarà infatti necessario aderire ad una delle offerte dedicate proposte dai vari operatori di rete che inoltreranno poi la richiesta del bonus ad Infratel.

Quali sono i requisiti per accedere al bonus?

Gli unici requisiti che daranno accesso al bonus di massimo 500 euro per l’acquisto di un nuovo PC, tablet e accedere a servizi di connettività sono:

  • Avere un ISEE (Indicatore Situazione Economica Equivalente) inferiore a 20 mila euro
  • Disporre dell’Identità Digitale SPID, erogata da uno dei 9 gestori abilitati

Potranno accedere al bonus sia famiglie che singoli individui. Per richiedere il calcolo del proprio ISEE è necessario effettuare una richiesta al proprio CAF di zona che effettuerà la procedura gratuitamente. È possibile effettuare una simulazione di calcolo su questa pagina.

È inoltra da ricordare che in alcune regioni non sarà possibile per tutti richiedere il bonus. Il sito Infratel ha pubblicato dei file excel contenenti l’elenco di comuni che possono aderire all’iniziativa nelle regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria e Toscana.

Quali connessioni ad internet sarà possibile pagare con il bonus?

Le informazioni riguardanti i requisiti di rete necessari e quale tipo di connessione sarà possibile pagare sfruttando il bonus in questione sono state confermate ufficialmente. Per poter utilizzare il bonus per la connettività ad internet sarà necessario partire da una connessione esistente inferiore ai 30Mbps e bisognerà passare al contratto più veloce disponibile nella propria zona, FWA, FTTC o FFTH in base alla disponibilità. La linea dovrà essere mantenuta attiva per 12 mesi.

Per velocità massima disponibile non si intende la velocità effettiva, che può variare e fluttuare in base alle condizioni momentanee della rete, ma della velocità massima raggiungibile secondo contratto con l’ISP scelto. Non sarà possibile utilizzare il bonus per connettività offerta dagli operatori di rete di telefonia mobile: niente 4G o 5G insomma.

Photo credit - depositphotos.com
fibra

Allo stato attuale Infratel ha fornito la seguente lista di operatori accreditati all’erogazione di offerte comprensive del bonus:

  • Ax3 Holding S.r.l.
  • Bbbell S.p.a.
  • Caligiuri Roberto
  • Cilento Tlc Srls
  • Fastnet – S.p.a.
  • Fly Network Srl
  • Global Com Basilicata S.r.l.
  • Heronet Srls
  • Informatica System S.r.l.
  • Intercom Srl
  • Interfibra S.r.l.
  • Isiline Srl
  • Macrotel Italia Srl
  • Medi@net Srl
  • Mediatelco Srl
  • Nexim Italia Srl
  • Noinet S.c.r.l.
  • Sicilink S.r.l.s.
  • Sinergia Telecomunication Srl
  • Speednet Srl
  • Springo Srl
  • Techdigital Di Angelastri Giuseppe
  • Telecom Italia Spa
  • Tiscali Italia S.p.a.

Quali dispositivi si potranno acquistare?

Secondo le indicazioni di Infratel, i dispositivi che verranno inclusi nelle offerte dedicate al bonus banda ultralarga dovranno rispettare le seguenti specifiche:

PC Tablet
CPU 4 core Minimo 2,0GHz
Accettate configurazioni 8 core da 1,6GHz
4 core Minimo 2,0GHz
Accettate configurazioni 8 core da 1,6GHz
RAM 8GB 4GB
Webcam 8 megapixel
(Accettata webcam esterna)
8 megapixel
(Accettata webcam esterna)
Memoria interna HDD o SSD da 256GB 64GB
Batteria 6000mAh
(o minore con powerbank in aggiunta)
6000mAh
(o minore con powerbank in aggiunta)

In attesa di dettagli riguardo le offerte degli operatori, i quali dovranno proporre i dispositivi ad Infratel che dovrà ritenerli idonei, vi lascio alle nostre guide d’acquisto dedicate ad alcuni prodotti similari: