Tom's Hardware Italia
Xbox One

Xbox E3 2019: tutti gli annunci della conferenza

Dopo i corposi leak degli scorsi giorni e un EA Play parecchio fiacco, la magia di E3 2019 sembrava essersi affievolita. Tuttavia, con l’arrivo della conferenza Microsoft si pensava che i ritmi ritornassero alti, ridonando alla storica convention losangelina l’importanza che merita. Già alla notizia della durata dell’evento organizzata dal colosso statunitense, le aspettative erano talmente alte […]

Dopo i corposi leak degli scorsi giorni e un EA Play parecchio fiacco, la magia di E3 2019 sembrava essersi affievolita. Tuttavia, con l’arrivo della conferenza Microsoft si pensava che i ritmi ritornassero alti, ridonando alla storica convention losangelina l’importanza che merita. Già alla notizia della durata dell’evento organizzata dal colosso statunitense, le aspettative erano talmente alte da lasciare ipotizzare annunci concreti su Halo Infinite, Gears 5 e, soprattutto, la console di prossima generazione: Xbox Scarlett.

Tali speculazioni non sono state affatto tradite, anzi, abbiamo assistito a delle chicche davvero inaspettate, ma in seguito a un ritmo altalenante e all’esigua presenza di gameplay, non abbiamo un parere totalmente positivo su quanto mostrato alla conferenza Microsoft. In attesa di scoprire i vostri pareri,  vi proponiamo un recap dettagliato di quello che è stato annunciato al Microsoft Theater di Los Angeles, sito nella pittoresca Xbox Plaza.

La conferenza Microsoft si apre immediatamente con un trailer di The Outer Worlds, la space-opera multipiattaforma targata Obsidian Entertainment, che approderà nei negozi il 25 ottobre del 2019. Il video ci porta nella colonia più lontana della galassia, controllata da alcune corporations. Un giorno, tuttavia, la quotidianità autoritaria del pianeta viene alterata dall’arrivo da una persona misteriosa. Non si sa se guidato da valori positivi o negativi, o semplicemente se è uno psicopatico, in quanto tutto dipende da noi. The Outer Worlds infatti riprende la struttura a scelte dei vecchi Fallout  – d’altronde parliamo di una produzione Obsidian – con visuale in prima persona. Quanto visto in video lascia presupporre un gunplay molto più dinamico, che può essere alternato ad attacchi da mischia. Il tutto in un mondo di gioco molto variegato, sia per quel che riguarda le ambientazioni, che i nemici.

Concluso il trailer, la conferenza Microsoft ci porta sull’iconico palco verde, perché entrano in scena Dom Matthews e Rahni Tucker, rispettivamente commercial director e creative director di Ninja Theory, uno dei diversi team di sviluppo acquisiti da Xbox Game Studios. Entrambi ci parlano dei loro futuri progetti, ma quello mostrato all’evento si è rivelato essere il leak dei giorni passati, ovvero Bleeding Edge, il titolo multiplayer team-based che strizza l’occhio a Overwatch per quel che riguarda l’estetica e la struttura, ma da cui si differenzia perché si affida a tecniche legate all’arma bianca. Sarà esclusiva Microsoft, e il 27 giugno sarà possibile partecipare all’alpha tecnica.
Subito dopo è la volta di Ori and the Will of the Wisps. Non è la prima volta che il meraviglioso titolo fa capolino alla conferenza Microsoft, ma in questa edizione abbiamo finalmente una data: 11 febbraio 2020. Forse i fan si aspettavano un’uscita più prossima, ma almeno abbiamo la concretezza dell’arrivo dell’esclusiva Microsoft. Vi rimandiamo al trailer per lasciarvi godere della sua poesia visiva.

Si passa, sinora sempre con ritmi serrati, a Minecraft Dungeons, nuovo titolo appartenente alla serie tanto apprezzata dalle nuove generazioni. Arriverà nella primavera del 202o in multipiattaforma – inclusa Nintendo Switch – e si baserà sul co-op in 4 giocatori, sia locale che online.

Dopo questa incalzante carrellata, arriva finalmente sul Phil Spencer sul palco, accolto da urla di giubilo degli appassionati. Nel suo discorso introduttivo, l’head chief di Xbox ha affermato la volontà dell’azienda di diffondere la filosofia videoludica, escludendo i limiti derivati dai dispositivi, dalle esclusive, e volta all’inclusione tra i giocatori, ponendo l’accento sul crossplay.
Un’allusione alla strada avviata con Nintendo?
In seguito all’introduzione di Phil Spencer, lo schermo ci svela il trailer di Star Wars Jedi: The Fallen Order. Non una grande novità per la stampa specializzata, dato che il giorno precedente, in occasione di EA Play avevamo già avuto modo di vedere tale video, con l’aggiunta di porzioni di gameplay.

Dalla mancata sorpresa per l’ultimo lavoro di Respawn Entertainment si passa a un trailer criptico e inquietante, con sequenze in prima persona tipiche da survival horror psicologico. Durante la nostra diretta live su Twitch per un attimo con gli utenti si ipotizzava Alan Wake 2, ma in realtà si tratta di Blair Witch, titolo sviluppato da Bloober Team, già noto per Layers of Fear. Arriverà su Xbox One e PC il prossimo 30 agosto.

Se quanto visto finora galvanizza, ciò che accade poco dopo è fuori da qualsiasi speculazioni. Parte un nuovo trailer di Cyberpunk 2077 incentrato sulla trama. Lì per lì, per quanto visivamente incredibile, non si capisce perché assistere a un ennesimo video senza alcun tipo di informazione in più. Nemmeno il tempo di restare perplessi, che parte un nuovo teaser dell’opera di CD Projekt RED con Keanu Reeves. Sì, Keanu Reeves, che al termine del video appare in carne ed ossa sul palco del Microsoft Theater. È proprio l’attore canadese a dare la data di uscita che in tantissimi aspettano: Cyberpunk 2077 arriverà il 16 aprile del 2020.

Dopo l’annuncio in pompa magna della data d’uscita del titolo di CD Projekt RED, la conferenze Xbox di E3 2019 è proseguita con una carrellata di trailer dedicata alle piccole produzioni, tra cui ci sentiamo di menzionare Spitfire, particolare per lo stile grafico che rimanda a disegni fatti mano, e Battletoads, il remake dello storico picchiaduro a scorrimento del 1991.
Per quanto riguarda invece l’acquisizione di nuove case di sviluppo, la conferenza ci ha piacevolmente sorpreso per la presenza sul palco di Tim Schafer per Double Fine Productions, passata sotto l’ala di Xbox Game Studios. Per l’occasione il celebre game designer è stato annunciato finalmente Psychonauts 2, seguito del particolare platform incentrato sulla psiche dei personaggi.

In seguito il ritmo è stato cadenzato da trailer legati a titoli multipiattaforma, come Borderlands 3, l’espansione di State of Decay 2, Dying Light 2. Ha fatto la sua comparsa persino la line-up di Bandai Namco, dandoci conferma dei leak usciti gli scorsi giorni, come il nuovo giocho di FromSoftware che vede la partecipazione di George R. R. Martin, The Elden Ring, il nuovo action rpg Dragon Ball Project Z, e Tales of Arise. Ma questi non sono gli unici titoli di natura nipponica a far capolino nella conferenza. Tra i più grossi annunci legati al rapporto tra Xbox e Giappone troviamo la collaborazione con SEGA per l’esclusiva di Phantasy Star Online 2, il che è una vera chicca per gli appassionati. A questo aggiungiamo anche CrossfireX.

Arrivati a questo punto vorremmo concentrarci sulle esclusive Microsoft. Iniziamo dall’espansione di Forza Horizon 4 ispirata al mondo LEGO.
In realtà quando parliamo di esclusive ci riferiamo a ben altro, ovvero Gears 5 e ad Halo Infinite. Entrambi sono apparsi alla conferenza, confortando da un lato gli appassionati delle produzioni Microsoft, ma dall’altro lasciando l’amaro in bocca per la mancanza di gameplay. Una scelta che può essere accettabile per l’epopea di Master Chief, che aprirà la prossima generazione di console – di cui parleremo in seguito -, ma un po’ meno per quel che riguarda Gears 5, in arrivo a settembre 2019.

Tuttavia la conferenza Xbox non è stata legata solo ed esclusivamente ai videogiochi. Nel corso dell’evento è stato confermato l’arrivo di Xbox Game Pass per PC, il servizio di streaming Project Cloud X, e, soprattutto, è stata confermata Xbox Scarlett, che arriverà a fine 2020.

Avete seguito la conferenza Xbox? Vi ha soddisfatto? Per tutti gli altri dettagli su Xbox e sul resto di E3 2019 vi rimandiamo alla nostra special page dedicata alla convention di Los Angeles.